accedi   |   crea nuovo account

Niagara di ricordi

Avevo riccioli d'innocenza,
nelle mani diventavano virgole di rondini
quando i cieli possedevano il blu dell'infinito
e le scorribande delle nubi facevano rumore.

Si annusavano i profumi dell'estate
quando i tigli sventolavano sopra i rami
e la frutta nei cesti dell'abbondanza,
coloravano di rosso tutto intorno.

Avevo mani di delicate dita
e le carezze soppesavano il tuo volto
nel profilo che guardava verso il mare
e le canzoni mi parlavano d'amore.

Possedevo lo sguardo trasparente
dove la nebbia non sfocava mai i miei giorni
e la limpidezza dei pensieri era tersa
anche quando un temporale gorgogliava il buio.

Camminavo con le mani nelle tasche
e la paura d'inciampare non mi tangeva
se le buche del viale poi ferivano,
i miei piedi conoscevano la strada.

Non perdevo mai l'orientamento
i sensi mi portavano in pianura
a giostrare con il vento contro il passo
per ritrovare sempre la retta via.

Avevo riccioli d'innocenza,
sopra gli occhi danzavano come stelle
quando le notti brulicavano di sogni
e il risveglio sapeva di allegria.

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 09/09/2012 21:06
    Ti vedo zampettare per le tue strade, con l'energia, la bellezza, la solarità che trasmetti nelle tue opere. Una istantanea emotiva dove artista sentimento animas mundi si uniscono. Complimenti, meravigliosa!

3 commenti:

  • Manuela Magi il 09/08/2012 22:06
    Grazie a voi.
  • Eugenia Toschi il 09/08/2012 21:25
    Una dolce poesia, piena di bei ricordi.. ciao
  • Anonimo il 09/08/2012 15:07
    Bella:Una dolce magica, passeggiata nei ricordi che sono simili ai ricordi di tanti di noi. ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0