username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Accontentarti

Accontentarti
impresa inutile
per te che non ami uno schema già previsto
liete voci confondono le idee.

Residenza spaziosa diventa una strettoia
come vecchio congegno che funziona a fasi alterne
in linea con il mio fluire lento.

Poi, d'improvviso, da un angolo riposto
un tuo sorriso lieve mi sorprende
Strano riflesso della mia felicità.

 

5
6 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Vista il 05/05/2016 12:59
    Il cuore è un marchingegno difettoso.
  • mariateresa morry il 07/09/2012 14:27
    Questa è una poetica matura, di chi sa bene destreggiare il verso libero perchè gli è chiaro nella mente il gioco ad incastro degli elementi da inserire. La poesia ha pur sempre una sua costruzione che deve suscitare emozione e in questo caso succede. Mi piace il distacco con cui l'autore descrive il suo approccio alla vita reale, quotidiana, che sa anche appiattire e non se ne duole, semplicemente lo constata. L'ultimo verso si apre come una speranza, pulitamente e senza fanfare... bella!
  • Centrone Stefano il 11/08/2012 16:17
    L'accontentarsi spesso è come lo descrivi tu, nella tua poesia.
    È chiaro che sarebbe meglio renderlo semplice, per avere una vita più semplice.
    Mi piace però la conclusione della poesia: quello strano riflesso della tua felicità.
    Beh..., devo dire che la poesia diventa molto più interessante in questa tua ultima frase. Sai perché? Perché, secondo me, nella frase è racchiusa tutta la tua felicità nel vedere quella persona sorprenderti con quel sorriso lieve.
    Una frase che, a mio avviso, la dice lunga.
    Bella poesia.
  • Don Pompeo Mongiello il 11/08/2012 10:14
    Ben concepita nel suo stile e contenuto, un po' più breve sarebbe stato l'ideale. Complimenti comunque!

6 commenti:

  • denny red. il 11/08/2012 00:22
    Ottima, intensa.. bravo Antonio.
  • loretta margherita citarei il 10/08/2012 19:46
    godibilissima poesia complimenti antonio
  • stella luce il 10/08/2012 18:57
    adorabili versi... per quale ragione si deve accontentare un amore??? esso vive con noi e basta spesso ben poco per essere felici... appunto un sorriso improvviso
  • Anonimo il 10/08/2012 13:07
    L'amore mai vive di schemi... Sa indovinare il sentimento inconsueto e crearne altrettanti. Riflessione profonda e plasticamente rappresentata.
  • Teresa Tripodi il 10/08/2012 10:18
    Nessuno schema e nessun calcolo matematico ne formula recitata di magia possono accontentare chi guarda oltre la mediocrità e cerca il non banale... solo lo stupore di un gesto naturale di pura e semplice dolcezza gratuita scioglie come per incato il nodo regalando stupore oltre l'aspettativa... questo è un vanto di ricchezza
  • Anonimo il 10/08/2012 10:14
    L'incipit descrive l'attesa e proprio nell'ultima strofa sta tutto il significato e la gioia di accontentare la persona amata;gioia che si tramuta in felicità. ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0