PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Olimpiade d'Amore

Centoventi metri di ostacoli
mi separano
dal filo delle Tue labbra

Oh Vittoria

Tu
hai sempre premiato chi ti ama con tutta Te stessa

in una fonte azzurra caparbia di stelle

porti in fiamma di maratoneta il mio cuore in un braciere di olimpionici baci

una scherma di pensieri
sciabolando
maschere di femminili fioretti
si scherniscono di me

in cucina
i piattelli

specchiandosi
nel fondo medagliere di pentole a pressione
tirano a lucido
lo schermo luminescente
afferrando
a corpo libero
gli anelli di Saturno

un tiro dalla lunetta
andò a palla di canestro

senza ritoccare il tabellone degli orari ed il cielo di sedati allori
i sensi tracagnotti vollero un gran finale di margherite in oro

Giove
promise il fulmine di un salto alto in lungo

nel cielo eterno di eros

le rosee speranze
animarono
di piste il sole

il presente ha il passato di un meraviglioso tuffo

sincronizzato

dal carpiato trampolino di gambe e braccia tese verso una rincorsa d'Amore

dall'immortale sapore

 

4
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 10/08/2012 20:56
    Sempre originale... chi mai potrà imitarti? Versi puliti ed armoniosi... Un piacere scorrerli... CIAO VINCE'

5 commenti:

  • Ada Piras il 25/09/2015 09:56
    Medaglia d'oro Vincenzo... sai che giusto ieri pensavo che nella premiazione invece di suonare l'inno del proprio paese dovrebbero suonare solo quello olimpico con l'alza bandiere.
  • Don Pompeo Mongiello il 12/08/2012 09:23
    Molto piaciuta ed apprezzata questa tua eccezionale davvero!
  • Anonimo il 10/08/2012 19:51
    Insomma, per il nostro romanticissimo capitano non esiste l'amore non corrisposto, e meglio così! Come al solito, i tuoi versi lunghi alla Whitman riescono a fondere il sublime più immateriale a immagini terrestre e anche prosaiche, con un risultato miracoloso Bravo Vincenzo!
  • loretta margherita citarei il 10/08/2012 19:38
    molto originale, sempre super cap
  • Anonimo il 10/08/2012 12:49
    Veramente eccezionale l'ispirazione tua che s'incarna in così tante, vive, divertenti, ma anche appassionate immagini. Campione anche tu!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0