accedi   |   crea nuovo account

Il difetto

Non so chi abbia stabilito per contratto
che si debba evidenziare la presenza di un difetto,
ingrandirlo e porlo all'attenzione
di questa importante e vasta associazione.
Che non ha nulla da fare
unica alternativa al proprio vegetare,
vivere il difetto con curiosità morbosa
sapere come nacque, dove arriva quella cosa
che dall'altro ti distanzia
e tu sembri in astinenza.
Ma non è mai così: il cervello senza polpa
esprime in questo modo il suo senso di colpa
del difetto che vedi nel vicino
a lui non riguarda ma sta nel comodino
della buia sua stanza,
di ogni oscura coscienza.
Sì sono stupidi ma che non si sappia è meglio
quale della natura il vero sbaglio.

 

4
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 14/08/2012 09:54
    Bel modo di far sentire la sua, in versi splenditi e ben coordinati. Complimenti!

5 commenti:

  • Anonimo il 16/08/2012 18:30
    bella antonio mi venuto in mentee... uno nssun centomla.. ben scritta complimenti
  • stella luce il 13/08/2012 16:47
    opinioni che condivido... i difetti non è detto che siano tali...
  • karen tognini il 13/08/2012 12:25
    E bravo Antonio... piaciutissima!!!!... a molti piace troppo parlar dei difetti altrui... non vedendo i propi... gentetta!!!
  • Teresa Tripodi il 12/08/2012 16:01
    stile ormai divenuto inconfondibile il tuo Antonio... chiusa che riporta in due righe il succo di tutto il verseggio... saggezza e verità
  • loretta margherita citarei il 12/08/2012 15:13
    molto apprezzata complimenti, bella riflessione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0