username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Lui

Ti pensavo, immersa
nel mare dorato
del primo mattino.

Profonde le viscere
si aprono nel mio
cuore femmineo.

Ti accolgo e respingo
per accoglierti ancora.
Accarezzi la mente
con astute parole.

Un dolce cullare
fragili emozioni
arde un desiderio
di abbandono.

Resisto ma solo
per cederti ancora.

Schermaglie le chiami
le nostre rincorse
i silenzi che schiudono
nuove espressioni.

Ti ascolto. Ti sento.
Ti perdo per ritrovarti
di nuovo. Forse chissà
anche oltre il tempo
riservato per noi.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 13/08/2012 07:46
    Un amore che porta contrasto di sentimenti fra l'abbandonarsi alla seduzione e resistere, in un duello in cui nessuno vince ma sempre si rinnova.
  • Rocco Michele LETTINI il 13/08/2012 06:26
    Quartine di riservato e sincero amore... lodevolmente corredate...
    BRAVA ADRIANA... CIAO

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0