accedi   |   crea nuovo account

L'abisso morale

Vorrei
liberarmi

in un gorgo di me

di un restio
restante

immutato giorno

d'un dì
al formaggio non so che farmene

disse
in un foro di maggio
il gorgonzola al belante pecorino

annodando un farfallino d'aglio intorno al collo del suo stracco vicino abitante in una zona di gru


l'unico modo per amare Te
è uccidermi

vi era
caglio di vampiro

nel mio respiro

svampite
dietro
ad una pazza palizzata
ogni nazione
si è idealizzata

dallo spaghetto a forma di pizza dell'italiano vero
al nero trinciato tabacco di un francese dal cappello basco
al gustativo the di un flemmatico inglese in postura pomeridiana
al passo d'oca di un benzoico protozoico tedesco rutilante in merce-des benz

non ha mica confini l'anima di una mucca mentre brucando bene ammicca all'attimo

senza pensare a pascoli sempre più verdi

né sono statue di sale le persone valutate su una bilancia di sale e scendi al mercato delle piatte forme degli ori inodori

anche se il cuore sa dipingere meravigliosi quadri di mare ed amare rotondità divine cantando con eccellente buongusto

12

3
6 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 14/08/2012 18:55
    È meglio essere sconfitti per un principio che vincere per una bugia. ... I forti fanno ciò che devono fare, e i deboli accettano ciò che devono accettare.

    Bellissima Vincenzo... versi che fanno riflettere...
  • Rocco Michele LETTINI il 14/08/2012 10:46
    Fantasia e creatività d'alloro contornano le fragranze...
    IL MIO
    VINCE'

6 commenti:

  • augusto villa il 18/08/2012 19:02
    Originalissima, profonda e molto bella.
    La chiusa poi è spettacolare!
    Grande Vincenzo, Grandeeeee!!! ---
  • loretta margherita citarei il 14/08/2012 19:48
    poesia condivisa, buon ferragosto cap
  • mariateresa morry il 14/08/2012 13:07
    Capitano, mi fa bene rileggerti ogni tanto, ti trovo sempre nuovo, sempre propellente nelle idee... grazie sempre!
  • karen tognini il 14/08/2012 13:04
    Grande poesia Vince... strabilianti versi che mi hanno fatto pensare... ho capito
    la vita
    ad un tavolo da gioco

    per vincere devi essere ingannevole ed aggressivo...

    ma te non ti ci vedo!!!
  • Anonimo il 14/08/2012 09:34
    Assolutamente adoro questo poema! Bravo Vincenzo, visionaria, elegante, moderna nel linguaggio, bella bella!
  • Nicola Saracino il 14/08/2012 09:09
    Un restio restante caglio di vampiro, osmosi di formaggi, alitosi estranee alla mucca che coglie l'attimo! Parole in libertà è libertà di parola, è verità. Il "protozoico tedesco"... ah che forza! e che risata, davanti a tale eccellente buongusto! Nicola

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0