PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Invecchiamento

Gioir vorrei
de la mia chioma
non più bella,
ma cosa far
ce posso,
se a l'or
e a lo castano poi
lo grigio
a poco a poco
soppiantato
s'est,
ma lo Mio Signor
ancor lodar
posso,
poiché
seppur argentea
questa chioma
est,
lo su' Divin soffio
ancor vita
le dà.

 

2
4 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 14/08/2012 18:14
    Non conta se il tempo imbianca i capelli, basta che ci sia vita e salute. Penso anche tu sia d'accordo. Ciao.
  • Rocco Michele LETTINI il 14/08/2012 15:22
    Sublime riflessione... IL MIO
  • franco buniotto il 14/08/2012 15:08
    Bisognerebbe nascer vecchi e morir neonati. Anche la mia chioma, che ha il colore della tua, loda il Signore. ***** Franco
  • nadia il 14/08/2012 13:28
    Carinissima e autoironica.. Piacevole.

4 commenti:

  • vincent corbo il 17/08/2012 06:11
    Gli anni passano e a volte pesano ma la fede è un dono eterno che il tempo non riesce a scalfire. Questo è il messaggio che viene fuori dalla poesia, un messaggio che condivido.
  • loretta margherita citarei il 14/08/2012 16:19
    bella e molto gradevole, passano gli anni, purtroppo!
  • Anonimo il 14/08/2012 14:34
    Bella lode al Signore e a tutti i suoi doni, compresa la chioma. ciao
  • silvana capelli il 14/08/2012 14:15
    Caro Don, la chioma argentea è la beltà della diretta della vita.
    Ma, con la tua lingua lodar sempre DIO puoi, se con tutto il tuo essere vuoi! molto piaciuta. Sempre bravo! Ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0