accedi   |   crea nuovo account

Quale occasione

Che grande occasione
ebbi quel giorno
in cui tutto poteva essere
ma nulla avvenne.

Stelle che cadevano dal cielo
mare di luce portatrice di sogni
occhi intenti a scrutare l'immenso
tutto crollava e nessuno faceva.

Parole scritte su pagine ingiallite
lamenti e gioie del cuore
passioni promesse
nessuno le lesse neppure la Musa.

Direzioni opposte al proprio destino
incroci sbagliati e vie bloccate
passi pesanti incapaci di andare
paura dell'essere.

Quante occasioni tra le mille proposte
quanti destini potevan cambiare
in un batter di ciglia il mondo mutare
eppure è così che doveva andare.

 

3
5 commenti     8 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

8 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • andrea il 22/01/2015 09:45
    in effetti ci rassegniamo convincendoci che in fondo le cose vanno come devono andare, non sempre è così , vuoi per negligenza, per sfortuna ed anche per il caso delle volte cambiano direzione come la cambiano con un semplice colpo di fortuna, bella poesia!
  • Anonimo il 05/05/2013 08:54
    I momenti assumono il peso di millenni, i fossili tornano alla vita per pochi violenti istanti.
    Brava..
  • giuseppe bevacqua il 29/08/2012 15:30
    lo sai che difficilmente faccio i complimenti all'autore della poesia ma questa volta sento che sono spesi bene. i versi sono leggeri ed armonici, librano nell'aria come spade affilate e tagliano a fette le emozioni quotidiane.
  • SalvatoreCierro il 25/08/2012 21:43
    Molto fatalista, tu puoi cambiare la tua vita, comunque bravissima ed emozionante come sempre, facciamo incrociare le vie opposte!
  • giuliano cimino il 17/08/2012 00:03
    ben detto quante occasioni potevano cambiare il corso della nostra vita.. ma ogni cosa è scritta e se alcune persone incontrate non fanno parte della nostra vita, o non la faranno mai, o faranno dei giri immensi (cit. A. Venditti), e magari li rincontreremo.
  • Antonio Garganese il 14/08/2012 17:21
    Perdere un'occasione fa sempre male soprattutto se succede in seguito ad una nostra indecisione o se agiamo nel momento sbagliato.
    Può capitare, ma l'errore deve servire a migliorare, rimanere segregati nel fatalismo non serve a nulla. Piaciuta.
  • Rocco Michele LETTINI il 14/08/2012 15:38
    QUARTINE MELANCONICHE CHE... APRONO ALLA RASSEGNAZIONE...
    ..."eppure è così che doveva andare"... È pure la mia chiusa...
    IL MIO
    STELLA
  • Anonimo il 14/08/2012 15:31
    Molto bella, mi è piaciuta davvero molto. Si sente tutta l'amarezza per le occasioni perse e hai brillantemente racchiuso le tue emozioni in versi brillanti.
    Ti segno un refuso: al 5° verso "Stelle che cadevano"
    Un saluto, M.

5 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 15/08/2012 10:19
    Così che doveva andare, versi ben scritti anche se tristi.
  • vania antenucci il 14/08/2012 21:46
    Cara Luce molto bella ben scritta maliconica cose che succedono nella vita e lasciano quel amaro in bocca un abbraccio e BUON FERRAGOSTO
  • Anonimo il 14/08/2012 18:56
    A chi non è capitato, Stella, di mancare per un soffio quello che poi si pensa sia stata l'occasione della propria vita?! Se ne prova ancora il dolore a ripensarci... si sente tutto questo nei tuoi versi particolarmente melodiosi. Paura dell'essere, qui è racchiuso tutto... ma così doveva andare e si deve guardare avanti e vivere. Bella bella, Stella!
  • loretta margherita citarei il 14/08/2012 18:37
    si rimpiangono sempre le occasioni mancate, bella, buon ferragosto
  • Francesca La Torre il 14/08/2012 16:25
    È molto triste quando si prende atto di aver perso un'occasione di vita che poteva cambiare tutto e magari in meglio. Piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0