PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Immaginazione

Quanno l'urdemo
spir mettetti,
pe' fa cuntentu
a la gente
che a fatica
m'assistette;
l'anema mea
da li angioli custodi
acumpagnata
finu a San Pietru
me purtarunu,
e issu
chelle porte r'ore
aprinnu,
in fronne
a nonna e a nonnu
me truvai,
e cu loru
tutti li andri
parenti mea,
da nu piezzu
muorti assai,
e me ricetteno:
- Vieni a ca,
vieni a ca Pinù,
e pene toje
firnute
songu già.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 15/08/2012 14:45
    bisogna pensare a vivere, piaciutissima don
  • Nicola Lo Conte il 15/08/2012 14:06
    "Vieni a ca,
    vieni a ca Pinù,
    e pene toje
    firnute
    songu già."
    Beh, ma con calma!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0