PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Società malata

la felicità appare visibile
ormai raggiungibile
per me che l'ho cercata così tanto
risparmiandomi sempre il peso del pianto
ormai ho le idee chiare
il materialismo scompare
è la vita bisogna viverla
senza mai giudicarla
perché ciò che accade deve accadere
e non c'è un perché
mi chiedo perché solo a me?
a me è riservato il privilegio di osservare
ma mai di esprimere il mio rammarico per questa società malata
falsata e nel tunnel ingoiata
zero tempo per ascoltarla
cambiare opinione?
sta tutto nella prima impressione
falsi sorrisi sono parecchio discutibili
e nelle onde del mare infrangibili
che dire della mia storia a tratti ho perso la memoria
oppure è il mio subconscio che ha voluto rimuoverla
ricordi sbiaditi sono quasi appassiti
e pian piano impoveriti
da quella felicità
che ripeto ho cercato tanto
e forse sono arrivato alla conclusione
che è tutta un'illusione
fatta da milioni di persone
perché la vera felicità
è realizzarsi
e con le proprie capacità
modellare il proprio avvenire
invece di pensare di scomparire
tanto non serve a coprire
il senso di vuoto che ti fa appassire
scegli di agire e costruire
o vuoi solo prima del tempo morire?

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • loretta margherita citarei il 16/08/2012 15:54
    bella riflessione sulla felicità, ognuno è alla ricerca della propria, apprezzatissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0