username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Morire bruciando

Ho perso il conto dei giorni persi,
delle occasioni fuggite via con ali di bronzo,
in un passo lento e arrancato
lì per essere afferrate
ed io troppo stanco per allungare le mani.
Di tutta la terra calpestata restano le orme su altre orme
come la ripetizione d'una filastrocca senza rima e senza senso,
fugace logica di un'esistenza misera.
Ho visto tanti spiragli di luce,
ma la flebile voce del vento
-eco che precede la tempesta-
mi impediva di squarciare il velo dell'immobilità.
Senza moto, mi nutrivo d'inerzia della vita
e ho finito per adagiarmi al suolo, in una culla
di foglie morte e radici secche
senza voce,
gridando le viscere inermi.
Che delle ali di Icaro dovrei munirmi
e volare via, via verso il Sole,
e morire bruciando,
illuminando il mondo della mia ombra
perchè ciò sono diventato,
flebile soffio d'una brezza inesistente.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 17/08/2012 15:45
    triste ma ben scritta apprezzatissima
  • Anonimo il 17/08/2012 13:16
    Mi riempie di tristezza, Amico, che una pena così profonda debba nutrire una lirica scritta tutta così bene, intensamente, senza nulla assolutamente che debordi dal suo senso profondo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0