PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'anticiclone Lucifero

Gli anticicloni
ora
hanno un nome
una voce possente
Si può parlare con loro.

Ma chiedere una tregua
al deserto mentre l'attesa solleva
nuvole basse
è come vedere una fanciulla
lieve e vaga che fa la doccia
proprio davanti a noi

Parlare ai propri sogni
senza dire sciocchezze
a volte può essere
poesia
quasi
trovare una parola fresca
e un ritmo appena accennato.

 

4
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 18/08/2012 07:34
    Così come di fronte alla calura desideriamo refrigerio, allo stesso modo chiediamo alla poesia di dare un segno tangibile di un pensiero definito ma non ancora espresso che nel suo tepore regali freschezza.
  • Rocco Michele LETTINI il 17/08/2012 15:31
    Tutto il forgiare... in un'acuta riflessione...
    IL MIO ELOGIO ROBERTO

3 commenti:

  • Anonimo il 18/08/2012 11:47
    Miraggio è quella fanciulla che fa la doccia, un sogno visivo... immagini perfette in questo caldo infernale!
  • Anonimo il 17/08/2012 15:26
    una parola fresca ed un ritmo appena accennato... come una di quelle persone che camminano per strada e nessuno li nota finchè non ti parlano e non ti guardano negli occhi stregantoti... la mia chiave di lettura è questa... pardon moi... bravissimo.
  • loretta margherita citarei il 17/08/2012 15:25
    bella riflessione apprezzata la chiusa

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0