accedi   |   crea nuovo account

Trincea

... allora ci si racconta del tempo sulle alture,
le mitraglie tacciono e le sigarette stanno terminando
più importanti certe volte di una gavetta di rancio.

i sorrisi si fanno a denti stretti
è forte la paura quando la notte ci si sdraia addosso
e il battito delle ali del gufo è clangore.

Giù la testa... spegnete il fuoco!

Dov'è il nemico capitano?

Arriverà senza darvi il tempo di respirare e vi mozzerà l'aria che vi spetta

A cosa pensa capitano quando vede le ombre che si riparano sotto le chiome dei larici?
Ha avuto il sorriso di una donna alla partenza?

Le foto sono umide in trincea
i vestiti si attaccano alla pelle come sanguisughe,
... morirò nella mia casa, capitano?

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0