PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Siccità

orde di calura
devastano gli steli
seccano arbusti,
perdono il fogliame
gli alberi,

mummie ramificate,
le erbe si raggricciano
prive di linfa.

Cappa ossessiva azzurrognola
copre il cielo,
riflette vapori
il grigio asfalto.

S'ode ininterrotto
come fosse scroscio
di ripida cascata,
il fremito monotono
delle cicale.

Un tumulo di mosche
scarnifica il silenzio,
nel fiammeggiante lucore
bruciano i frutti del campo,
delusi i contadini
per il mancato raccolto.

Putrido,
il rasciugato fiume
mostra bavosi fondi,
tra il fango
lento è il gracidar di rane,

sul monte,
mandrie disperate
al bruciato pascolo
fiutano e vagano rinsecchendo.

Ha la terra
la patina sulle labbra,
l'afa sonnolenta
desertifica la sua anima.

Il tutto
par implori
per un miracolo
dal cielo
nella fresca pioggia.

 

3
8 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 19/08/2012 14:43
    Che il Divino legga i tuoi riflessivi versi e innaffi il terreno arso...
    IL MIO ELOGIO LORY... CIAO
  • Raffaele Arena il 19/08/2012 11:24
    da giorni nelle mie preghiere prego che piova. Ma tant'è stiamo piangendo sul latte versato. abbiamo distrutto in modo quasi irreparabile un equilibrio che porterà a carestie a miseria, nonchè a lotte come e peggio dei tempi del medioevo.
  • Grazia Denaro il 19/08/2012 10:28
    DOPO TANTA SICCITà E TANTA CALURA METTENDO PURE IN CONTO I ROGHI DOLOSI CHE SI SONO VEIFICATI PER LA MAGGIORPARTE IN QUESTE ULTIME SETTIMANE, L'UOMO HA IN PARTE COLPA DELLA DESERTIFICAZIONE CHE AVVIENE OGNI ANO. nOI POVERI MORTALI VEDENDO QUESTO SCEMPIO, POSSIAMO ALZARE GLI OCCHI AL CIELO ED IMPLORARE IL CREATORE CHE ABBIA PIETà E FACCIA SCIVOLARE DAL CIELO LA BENEDETTA E SOSPIRATA PIOGGIA. uNA BELLISSIMA LIRICA SCRITTA MAGISTRALMENTE PER CONTENUTO E FORMA, APPREZZATA!

8 commenti:

  • vania antenucci il 19/08/2012 22:06
    Cara Loretta che bel capo lavoro ben descritto questa siccità che ci tormeta con quella pioggia che gustiamo che arrivi al più presto complimenti bravissima
  • silvana capelli il 19/08/2012 14:32
    Condivido con Raffaele, perchè il mio pensiero stà nella preghiera, che oggi viene meno. Questa calura ci mette tutti a K. O. siamo agli estremi. speriamo che DIO, ascolti la nastra supplica.
    Brava Loretta, condivido tutto quello che hai scritto, Meravigliosa!!!
  • Anonimo il 19/08/2012 12:39
    Tu sei proprio specializzata in descrizioni ambientali. Eccezioneli.
  • loretta margherita citarei il 19/08/2012 10:45
    in foligno, umbria, dove vivo, da molto non piove, solo sporadici brevi piovaschi, questo è lo scenario che vedo ogni giorno, mi ci vengono le lacrime agli occhi
  • Don Pompeo Mongiello il 19/08/2012 10:26
    Un laudo per questa tua eccezionale davvero!
  • roberto caterina il 19/08/2012 10:09
    Ha un che di virgiliano, mi piace, non è male..
  • anna marinelli il 19/08/2012 10:00
    che grande capacità di descrizione hai nel descrivere gli effetti di questa grande sete della terra, e non solo. Brava Loretta!
  • giuseppe il 19/08/2012 09:19
    E':
    la tristezza
    lacrima
    il triste malsano
    umor
    di colpe antiche.
    Bellissima visione di una reale vita
    un saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0