PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Empatia della natura

Piange la rondine pronta a migrar
perduto il rondinino si dispera
occhi imperlati da perle di dolore
il salice piangente le raccoglie

piange il salice piangente
lacrime bianche gocce stillanti
cadono nel rio sotto lì vicino
l'onda corrente le trasporta via

ride la fanciulla innamorata
lacrime calde tenere gocce
di gioia stille d'amato riamato
amore scendono su un fiore

ride il fiore rosa rossa rosa
al sole s'apre a quell'umore
il giorno muore scende la sera
gocce perlate sui petali del fiore

una strana rugiada lì si è posata
pianto di un usignolo innamorato
pianto di un amore perduto ritrovato
pianto di un cane solo abbandonato

idrogeno ossigeno sali diversi vari
tracce organiche lì fanno compagnia
gioia di vivere e vita fatta di dolore
bella divina della natura l'empatia

acqua mista del rio ancor alle radici
vivo terran quel fiorito fiore
da porre su una tomba sconosciuta
dove riservare ad un ignoto Amore.

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Maurizio Cortese il 20/08/2012 21:44
    Un titolo più azzeccato non si poteva trovare; echi umani di una natura che sa condividere gioie e dolori.

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0