accedi   |   crea nuovo account

Datemi le mie ali

Ho lavato le mie ali sporche di fango
e le ho stese al sole ad asciugare.

Non riesco più a volare
su dirupi scoscesi
e ignobili bassezze umane,

incatenato al suolo
da rami tentacolari
e suoni disarticolati.

Un tempo il vento mi spingeva
verso lidi sconosciuti,

pensieri di pace vagavano
incontrastati in pianure sconfinate,

suoni di organo soavi
si diffondevano nell'aere.

Mi rimetterò le mie ali
e tornerò a guardare il mondo
con occhi cristallini,

mi alzerò in volo
cercando cime immacolate
e anime pure sotto il sole.

Sulla terra solo fango,
solo briciole di idiozia
diffuse in ogni anfratto,

datemi le mie ali...
non ne posso più...

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 22/08/2012 19:38
    scusami tanto ma l'incipit mi ha ricordato una canzone di Fiordaliso... ma nonostante questo, davvero molto apprezzata!
  • Rocco Michele LETTINI il 22/08/2012 18:42
    Volare nel terso cielo... è il sogno di chi scorre il suo vivere senza macchia alcuna...
    LODEVOLE VERSI VINCENZO... IL MIO PLAUSO... BUONA SERATA

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0