accedi   |   crea nuovo account

Perdurare

suono note rare
di melodie mute
che cantano
le gesta di credere; speciale
un alito immortale l'esistere.

scrollo le spalle,
stringe più forte,
non m'abbandona
l'incauto incedere; animale
di chi cerca un dove tra le nuvole.

Non è più arte
la mia pigrizia
e la clessidra
non può corrodere; intangibile
il vetro e quell'oltre inizia a stingere.

E tace la voce
tace di note avare
e in controluce
non può descrivere; chimera
quel silenzio che solo chi ode può conoscere.

il tempo disperare
è forse crollato
nell'abito in piega
dell'ordinario vivere; condanna
percorso obbligato, mesto destino del crescere.

Battiamo le mani
all'artista più noto
- inconoscibile -
che ci ha permesso
di piangere e ridere; perdurare
in queste rive che ci ostiniamo a comprendere.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 01/08/2016 17:16
    Per i miei gusti la vedo lunga, sembra che vi dimenticate quando dovevamo impare a memoria le poesie.

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0