accedi   |   crea nuovo account

L'inquietudine della pace

Non c'è natura vivente
che rassomigli a questa solitudine,
a questa profonda pace
che ottenebra le nostre menti.
Il contadino all'albeggiar tende la mano
e sul terreno arso e smosso
cade il seme.
Poi l'acqua lo disseta, fin quando,
vergine e incontaminato, sboccia il frutto.
È così piccola la carezza del sole
sui nostri visi spenti e persi,
il vento soffia e smuove i pensieri,
mentre la sera ci conduce verso l'oscuro.
Tutto tace e i nostri respiri echeggiano
nella malinconia di notti insonni.

 

0
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ettore Vita il 24/08/2012 22:56
    I pensieri e le immagini mi sembrano un po slegate (o sono io a vederle così, tuttavia c'è una giovaile freschezza, un non so che di di doce, una profonda maliconia, un sincero incanto innanzi alla natura.
    Una sola riflessione sul contenuto, siamo noi a non percepire la carezza del sole e la luce che ci abbaglia.
    Il grano è il simbolo della vita che risboccia sempre, ma per sbocciare deve marcire... trasformarsi.
  • Antonio Garganese il 24/08/2012 11:33
    Nel naturale crescere e sbocciare dei frutti della terra, uno spunto per scorgere quando arriverà il nostro momento. Non possiamo prevedere quando ma, di certo, qualcosa succederà.

4 commenti:

  • Verbena il 09/09/2014 21:43
    "nella malinconia di notti insonni" Chiusa molto apprezzata come tutto il testo che ha sapore amaro, pur con lo sguardo posato sul "frutto incontaminato che sboccia". Brava
  • Michele Loreto il 22/10/2012 04:42
    È la dimensione metafisica che incombe sulle cose, insieme presente e assente, nella tangibile concretezza delle sue apparenze e nella remota lontananza delle sue ragioni, che lasciano metafisica nell'oscurità lo scopo dell'esistenza
  • roberto caterina il 24/08/2012 12:13
    Descrizioni di nascite inquiete nella malinconia delle notti insonni.. Attendiamo con fiducia queste nascite..
  • Ugo Mastrogiovanni il 24/08/2012 11:29
    Il poeta sente il messaggio segreto della natura che sboccia. Esprime bellamente il peso e il piacere della quiete e sembra percepire il valore della vita, il solo necessario per realizzare anche i propri sogni d'amore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0