PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La ballata di Morgana

Il mare violaceo
rimbomba tra echi sanguigni
e nuvole rosse.
Grida lacerate e strazianti
giungono dalla dimora di serpi
nel verde del bosco.
Regina delle nevi,
Ofelia già annegata
nel fiume tormentato
di desideri e di passioni
accoltellate.
Giunge avvelenata,
un fuoco di ghiaccio negli occhi.
Spine attorcigliate
in una corona di perle
ognuna cadente e delusa
dal flusso disordinato
delle onde.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0