accedi   |   crea nuovo account

La mia Dea

Mi affascini
con i tuoi capelli fini ed arsi,
mi penetri
con i tuoi occhi profondi,
mi intenerisci
con la tua pelle levigata dal tempo,
mi ammalii
quando armoniosa gesticoli le tue parole,
mi sconvolgi
quando accarezzi le ampie vesti
col tuo corpo svolazzante.


Poi mi respingi
con acuminati artigli
perchè il corpo tuo cerco
e non l'anima sfuggente,
ma ne ho abbastanza della mia.
E voli lontano
e ti sublimo come Dea salvatrice
e mi incanto ad ascoltarti
a contemplare il mare dei tuoi occhi
sul quale queti galleggiano pensieri.

 

5
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 30/03/2013 18:31
    Versi che, come onde del mare, portano il lettore in un'altalena di sensazioni ed emozioni.
  • Anonimo il 30/03/2013 18:30
    Versi che, come onde del mare, portano il lettore in un'altalena di sensazioni ed emozioni.

4 commenti:

  • augusto villa il 31/08/2012 21:28
    Bella!... e devo dire che gli ultimi tre versi mi piacciono in modo particolare... ----
  • Gianni Spadavecchia il 27/08/2012 06:21
    Bei versi, un amore passionale ma dolce, fisico e sentimentale. L'anima si intreccia col cuore.
  • Ettore Vita il 26/08/2012 20:57
    Grazie per l'apprezzamento.
  • loretta margherita citarei il 25/08/2012 16:06
    molto bella complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0