accedi   |   crea nuovo account

Un bacio

La stanza: aleggiava un gas, quasi irrespirabile.
I soggetti: Un uomo impegnato al suo telefono cellulare,
sua moglie che stava facendo l'amore con l'amante,
Sara.

Ripresa in chat, e lui che ogni tanto le guardava,
masturbandosi.

Lontano da questa visione due bambini, uno con il videogioco
e un altro che giocava con la corda, saltando,
altri uomini e donne di tutte le razze,
tutti di nazionalità unica.

Tutti interconnessi tramite un microchip installato nel loro cervello.
L'intellettuale chiese all'amico:
che lezione segui oggi tramite il tuo notebook
e il tuo trainer virtuale?

La lezione di Fiorentino.

Fiorentino, dove si parlava?
In una citta toscana, capoluogo regionale nel 2012.
Nel paese Italia.
Un dialetto buffo, anche
comunque già in disuso, vicino alla lingua italiana,
con la c, come una doppia c.

Cioè? In dialetto: cosa dici si trasforma in
icchè tu dici?. Oppure, cretino.. in o bischero?
E tu, la tua lezione di italiano?
È saltata, il cyber è in riparazione,
e siccome è una lingua morta,
ho studiato il cine-inglese,
l'inglese con la pronuncia cinese.


Come fa..
Per esempio Good mornin, Gool molning,
una noia.

E il corso di francese, lo segui ancora?
Di Provenzale, vuoi dire, si.
La cyber insegnante ha due tette..
non riesco a concentrarmi così,
non riesco piu umanamente a comunicare.

Poi il disastro.


123

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 25/08/2012 17:44
    Oh Raffaele ti cimenti con il poema quasi cavalleresco dei tempi moderni. Si cavalca sull'onda dell'emozione del finito, del bruciato così come i continui roghi che corrodono la nostra nazione. Solo l'amore può salvarci ma esiste ancora quello, dietro i spessi fumi del nostro smog? Piaciuta

2 commenti:

  • vincent corbo il 26/08/2012 06:37
    Sempre attento alle sorti del nostro pianeta, del nostro futuro. Come andrà a finire? Ricordo con un pizzico di nostalgia i tempi ante 90, quando non c'erano le diavolerie moderne, solo radio e televisione. Ma ricordo anche Chernobyl.
  • loretta margherita citarei il 25/08/2012 15:46
    molto originale, prosa apprezzatissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0