PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Destino beffardo

Brutta vecchia storpia
vaghi tra le vie degli amanti
ignari della tua perfidia.

Rubi il loro amore
lasciandoli vuoti di ogni sogno
nel tormento della solitudine.

Ti arricchisci della loro passione
dividi ciò che era unito
passeggiando felice tra versi d'amore.

Megera dai capelli d'oro
dagli occhi di rubino
dal cuore pieno di dolore.

Ti chiamano destino
attimi che arrivano e se ne vanno
finestre che si chiudono e portoni che si aprono.

Brutta vecchia storpia
capelli d'oro occhi di rubino
destino beffardo.

 

2
7 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 30/08/2012 20:06
    Personifichi il destino, quello ineluttabile, come una vecchia storpia invidiosa di amore e felicità. Immagine certamente fantasiosa e nuova che testimonia il tuo modo creativo di fare poesia.
  • Rocco Michele LETTINI il 27/08/2012 20:27
    HAI PRESO A PUGNI LA REALTA'... DECANTATA CON SINCERITA'...
    LA MIA LODE... E LA MIA GIOIA DI RILEGGERE I TUOI VERSI... D'ALTRO STAMPO PERO'... PUR SE IL DESTINO BEFFARDO È NEL POETA... STELLA
  • SalvatoreCierro il 27/08/2012 14:26
    Un destino che ha forma antropomorfa, un destino che quindi che può avere fine, e tutti noi potremmo avere nuove speranze, che belle parole, sento il tuo animo! Odiamo il destino!

7 commenti:

  • Elisabetta Grillo il 06/09/2012 17:25
    bella... mi piace come hai saputo personificare il destino a volte beffardo con alcuni versi
  • Ellebi il 03/09/2012 02:05
    Dai al destino le sembianze di una strega, ma il destino è come la coincidenza, forse non esiste... bei versi comunque. Cordiali saluti.
  • stella luce il 31/08/2012 22:01
    grazie per le vostre parole...
  • Anonimo il 29/08/2012 15:09
    Quando imputiamo il nostro dolore ad un'entità oltre la nostra realtà è come voler porre distanze e soffiare sopra le ferite, ben venga tutto ciò. Ma abbiamo anche il libero arbitrio Stella, non dimentichiamolo!
  • Gianni Spadavecchia il 29/08/2012 14:38
    Non male, destino beffardo. Versi che quasi scappano sul foglio.
  • Anonimo il 28/08/2012 19:30
    Una lode per stella
    Originali versi molto ben scritti
    Complimenti!
  • loretta margherita citarei il 27/08/2012 19:51
    molto originale e bella brava stella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0