accedi   |   crea nuovo account

Epicurea ragion d'estate

Senza Te
incontrerò solo strade deserte
viali senza luci

tramonti
senza colori
albe
senza sole

vivrò
in stridenti fossi

nel gracidare gelato dei pozzi

nello spezzante urlo dei rami sotto estenuanti pesi di neve

in tutto quello che il giorno non dice morendo negli occhi di chi non sa lasciar speranza di semi

aspettando
impietrito
in una colonna artica
il Tuo passaggio

a magnificare
i miei crepuscolari paesaggi

con gemme di luna

ma io
non vivrò mai senza Te

primaverile Amore

sarei già morto

da una eternità di tempo
sepolto

allora perché mi torturo così ad ogni finir d'estate

 

4
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 27/08/2012 17:19
    Versi bellissimi Vincenzo...
    Non demordere l'Estate non sta finendo... il sole del tuo amore illuminerà l'autunno...

3 commenti:

  • Rocco Michele LETTINI il 27/08/2012 20:13
    L'amore non conosce stagioni... è perenneee!!!
    Non c'è dolore... se si ama col cuore...
    Straordinario verseggio... CIAO VINCE'
  • karen tognini il 27/08/2012 17:01
    Versi splendidi Vincenzo...
    dai forza su... dopo l'Estate c'è l'Autunno... sara' bello vedrai!!!!
  • Teresa Tripodi il 27/08/2012 16:55
    dai su Vincenzo che ancora l'estate non è finita... pensaci dopo... ma vedrai che il tuo sole non avrà paura dell'inverno

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0