accedi   |   crea nuovo account

Sorrido all'idea

Sorrido all'idea di un attimo rubato.

Gioco nel riflesso di ricordi che si fanno realtà improvvisa,
nell'attimo esatto in cui il mio sesso urla il suo desiderio di te.

Non ci sono più contorni nitidi
a delineare ruoli ormai sfuocati dall'ardore degli eventi,
ormai retrocessi a semplici esigenze di vita,
ad assunzione sgradita di ruoli di disperata consuetudine.

Sorrido all'idea di viverti all'esterno dei miei giorni
eppure così profondamente radicata nella mia anima,
così stupendamente essenziale ai miei pensieri più naturali e liberi.

Sorrido di un mondo che attonito ruota insicuro su se stesso,
seguendo la spirale del suo impellente bisogno di dolore,
che appaghi,
almeno in parte,
la sua disperata e mai appagata esigenza d'amore.

Sorrido di me che a quarant' anni amo ancora come un adolescente,
mescolando generosità ad egoismo,
libertà a prigionia,
terrore a gioia infinita,
nella sublime certezza di saperti amarti senza compromessi.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0