accedi   |   crea nuovo account

Il lavoro

Un giorno il lavoro
su una panchina seduto,
perchè messo a riposo
da un contratto scaduto,
il parco dinanzi a sè guardò.
C'era l'erba che litigava con la carta;
l'Amicizia discutere con l'Amore
colpevole di avergli rubato un cuore;
la scienza con le sue tesi
dimostrava alla fede
che non valeva niente;
il matrimonio calpestato e derubato
dall'indifferenza del burocratico divorzio.
Allora il lavoro si alzò
e alla sua Italia parlò:
"Bel Paese bagnato dal mare
ma quanto tempo ancora dovrà passare
affinchè tutti smettano di parlare?
Sono gli Italiani così sordi
da non sentire che i loro monumenti
stanno per crollare
o come pietre così duri
da non riuscire più a perdonare?
E che dire della scienza,
presuntuosa di possedere
con i suoi esperimenti
la realtà dei fenomeni
e chiude le porte
alle altre possibili ipotesi?
Che fine ha fatto l'unione
che misurava all'infinito
i battiti di un amore
eterno e volto al sacrificio?
E io, cosa sono ormai per te?
Un articolo della tua Costituzione
l'assoluto privilegio a me garantisce
di fondare la tua Nazione.
Ma dov'è quella Nazione di eroi
che con spade e scudi
combatterono per difenderti;
che suonarono mandolini
per onorarti;
che scrissero poemi e sonetti
per lodarti;
che ribellandosi gridarono:
"A noi libertà e lavoro!".

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/08/2012 19:23
    HAI CALPESTATO LA REALTA'... MIRABILMENTE...
    DAL SENNO... LA VERITADE...
    IL MIO ELOGIO MARIANNA... CIAO
  • Grazia Denaro il 28/08/2012 17:06
    Quella nazione di tutto ciò che c'era di bello e di vivibile, che ci manteneva una vita serena e dignitosa, pare che sia in coma o addirittura sia morta. Però non dobbiamo perdere la speranza e noi tutti, dobbiamo cercare di salvarla, di resuscitarla, mettendoci le nostre forze e cercando di combattere il marcio che in essa si è annidato a tutti i livelli. Una lirica verità, scritta con versi ben strutturati, apprezzata Marianna!

2 commenti:

  • denny red. il 29/08/2012 05:53
    Io penso che.. Che ci vorrebbe un mare.. Cara Marianna, Ottima! poesia, ben scritta! Poi penso che.. che per il resto.. ci sia ancora molto.. Molto da lavorare.. su questa.. Questa Spiaggia..!
    Brava Marianna.
  • loretta margherita citarei il 28/08/2012 19:21
    questi luridi politicanti che tolgono i sogni e le speranze ai giovani! che schifo mi fanno! bellissima poesia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0