PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Immaginando

dal perimetro
di una routine
pazzesca,

al ritmo martellante
di un tamburo scandente
la forzata marcia dei doveri
sfuggo,
immaginando
spiagge assolate
voli di gabbiani
e un azzurro mare

nel quale m'immergo
lasciandomi levigare
come un suo sasso.

Lascio che la risacca
mi porti
attraverso sconosciuti oceani
posandomi, iridescente conchiglia
sopra una nuova riva,

dove sconosciuto
diviene il dolore, straniera l'angoscia
sottile che i miei giorni vela.

Solo così, immaginando,
con fresca aria
la mente s'inebria...

con ossigeno puro
di nuovi sogni e pensieri
respiro e vivo
ignorando
cappe d'anidrite solforosa...
usate consuetudini
a corrodermi la vita...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 02/09/2012 15:59
    Poesia scorrevole, musicale, ben ritmata e dal contenuto sublime.
  • Grazia Denaro il 30/08/2012 20:45
    È bello sognare ad occhi aperti ed immedesimarsi in ciò che può allontanare lo stress dai ritmi quotidiani che rischiano di appiattirci la vita. Una lirica come sempre scritta con versi scorrevoli, musicali e introspettivi di questa bravissima poetessa che ogni giorno ci fa conoscere i propri pensieri. Opera Apprezzata!
  • Rocco Michele LETTINI il 30/08/2012 08:03
    E via dalla quotidianità ostile e... ritrovarsi in un azzurro mare dove la limpidezza... riporta la freschezza de la mente...
    SEI STUPENDA LORY... M_I_T_I_C_O V_E_R_S_G_G_G_I_O... ciao
  • Antonio Garganese il 30/08/2012 07:21
    Mandare via lo stress quotidiano e l'iperattività cercando ristoro nella nostra interiorità, nel buono che c'è dentro di noi con un uso di metafore splendidamente appropriato.

10 commenti:

  • Anonimo il 31/08/2012 09:49
    Bellissimo il tuo poetare Lory, complimenti
  • LacrimaSottile il 30/08/2012 23:15
    Mi ha ammaliata, sembrava quasi l'intro di un canta storie vissuta e sognante, immagine perfetta di un rifugio lontano immerso nel blu un saluto, LS
  • rosanna gazzaniga il 30/08/2012 17:35
    Bellissimo poetare, Loretta! dentro di noi la forza per ristorarci... Piaciutissima!
  • Bruno Quattrone il 30/08/2012 17:26
    Molto bella, vivere il reale sotto il peso dei doveri sognando l'irreale libera andando incontro ai propri desideri. Un abbraccio
  • Anonimo il 30/08/2012 15:07
    luogo idiliaco... dove la mente ed il corpo trovano rifugio.. versi incantevoli un bacio Lor
  • Anonimo il 30/08/2012 14:29
    A volte, il nuovo, evita l'appiattimento. Nuovi interessi, nuove attrazioni, ovviamente, se "sentito", ringiovaniscono. Il piacere, se represso, invecchia. Lorenzo De' Medici ha detto - Quant'è bella giovinezza che si fugge tutta via, chi vuol essere lieto sia, di doman non c'è certezza - Sì, hai detto bene... fresca aria... Ciao. A presto.
  • Don Pompeo Mongiello il 30/08/2012 08:04
    Un plauso sincero e dovuto per questa tua eccezionale davvero!
  • Vincenzo Capitanucci il 30/08/2012 07:47
    Immaginandomi conchiglia iridescente dove sconosciuto diviene il dolore...

    Molto bella L'Or... immagini di un dì a venire...
  • giuseppe gianpaolo casarini il 30/08/2012 07:31
    Con belle immagini si snoda il sogno o meglio il desiderio della Poetessa.. fuggire da un mondo pieno di veleni.. ritrovarsi come cantavano un tempo i latin Poeti in un luogo dell'Età dell'Oro..
  • Roberto Tommasi il 30/08/2012 06:49
    Bellissima, come sempre!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0