username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Opere di poesia del giorno

Su PoesieRacconti ogni giorno vengono pubblicati gratuitamente decine di nuovi testi letterari, fra racconti, poesie, aforismi e altro ancora. Questa pagina contiene l'elenco di tutte le opere di poesia pubblicate nella giornata del 21/01/2017.

Mostra opere pubblicate

Eutanasia

Una donna si avvicina
Stringe nella mano
Un veleno

Certo non sai chi sia
Da dove arrivi
La sua bontà
È solo una donna
In cerca di visibilità

La carne cerca pace
Il pensiero tace
La donna esita un secondo
Al cospetto del mondo.

   1 commenti     di: vincent corbo


Il senso del paradosso

oh questa promessa del Paradiso così dolce da sopportare
e le manette dell'Inferno nelle case la sera tarda,
quando le mogli chiedono alle lavastoviglie la conclusione
dell'intero senso umano.
oh come vorrei poterci credere anch'io alla pace finale!
dopo che, per una vita intera, sono stato uomo
come solo l'uomo sa essere uomo; ma non dubito
che molti uomini vicini a me o prima di me o che ancora devono venire,
leggendo libri come l'Apocalisse o la Commedia,
diranno anche loro che l'uomo è condannato a scegliere la felicità come la tristezza.
e che vi sia negli studi di Darwin una punta di antropocentrismo?
non saprei. eppure, se si guardano le cose, vi è più Darwin nel mondo
che Dio nelle chiese. forse nelle chiese vi è più la paura di Dio,
ma anche quella, oramai, secolo ventuno dalla morte del Salvatore,
sembra più che altro una questione di facciata.
ma come non considerare il cancro metastatico della civiltà,
dalla gloria d'Egitto ai fasti d'Atene, s'è giunti fino all'Olocausto
e lì vi è stato il punto di non ritorno.
oh Satana, perché aleggi nella camera mortuaria della mia mente?
non è forse il tuo stesso senso l'intero senso del mondo?
non sono fatte della tua carne, queste verdi colline e i fondi abissi degli oceani?
e la chimica e il veleno di serpente e la furia dei cieli, non sono, forse,
frutto del tuo talento?
come potrei pensare al Male, come la conseguenza del tuo capriccio,
se Dio è Tutto e Tuttopuò e ha creato nell'Amo

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: Ferdinando


L'amore

Talvolta celato
Talvolta palese
Talvolta umiliato
Talvolta portato alle stelle

L'amore viene sempre
in un solo momento
accende tutte le luci
apre tutte le porte
e dà ai gesti
la forma dello stupore
come il fuoco
sottratto agli Dei

quando noi siamo
più o meno
altrove.



E amore caldo da riempirci i secchi

Sempre a doppio filo quei ricordi appena svelati,
ad indorare fabbriche abbandonate
dai loro stessi soldati. Favole strette
in un abbraccio irrilevante quasi, nel racconto
di quando ti spogliasti sotto la luce
di una luna d'agosto senza il minimo sbadiglio,
davanti a quei ridicoli accampamenti
di ufficiali in pensione. Lo scalpore
di un dettaglio alla ricerca di un brivido
fuori scena, l'annuncio di una rovina
appena passata sotto torchio,
in un discorso che si avvita su se stesso
e poi fa il pazzo. Perché nessuno qua in trincea
ti ha mai dimenticato veramente.
È un mese che conti gli spiccioli in colonne,
inventi parole nuove e ti distrai per niente,
con l'inverno secco a far compagnia
alla scaltrezza delle tue dita
(calde impressioni in pomeriggi senza fine),
mentre recidono passioni e poi lasciano
le pelli appese ai rami secchi dei sobborghi.
Il più incredibile degli imbrogli,
racchiuso in una palla di vetro senz'acqua
né speranza di riveder il giorno.
Quand'è il tuo senso d'appartenenza a farti
tirare indietro ogni volta, e a salvare
quel poco di ciottoli lisci che sei riuscita
a metterti in tasca. Se a tradimento
o sparando fiori in aria non saprei dirlo,
considerando che il passo è breve
e il maestrale oggi è selvaggio
da far chiudere le porte. Una conclusione lieve
è anche l'unica che ti aspetti, e senza
il ruvido tra gli spazi in mezzo;
sempre attenta a rimandare l'invasione
a tempi in cui nessuno sarà più all'ert

[continua a leggere...]