username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Poesie sulla pace

Pagine: 1234... ultima

Ci Vorrebbe un po' di Pace

Ci Vorrebbe un po' di Pace
che scaldi questi cuori
poveri di calore
gelati dalla crudeltà
di un mondo
che noi stessi abbiamo nutrito.

Ci Vorrebbe un po' di Pace
che entri in queste anime
confuse dal dolore
malate dalla rabbia
di una solitudine
che ci rende peggiori.

Ci Vorrebbe un po' di Pace
che annaffi queste menti
annebbiate dall'odio
Ferite dalla stupidità
di facili ricch

[continua a leggere...]

   7 commenti     di: laura


Tut: il bambino Faraone

Nella valle dei Re dove l'occaso del sol si nasce
la rotta roccia scolpita colorata non pace né quiete
eterna, qual quel dì lontan la pietas sì volle, dona
alla piccola mummia un dì corpo del Faraon bambino
che trasparente teca tiene ed alla vista ai violator
del suo infinito sonno oggi me compreso s'offre.
e mentre scorre con lento passo la lenta teoria
del guardian la man lesta al ven

[continua a leggere...]



Buongiorno

Buongiorno a Voi,
amiche care.
E amici, naturale.

Sento aerei volare
spero non sia
cattivo segnale.

Che la civetta
ha smesso
di civettare (ma come si definisce il "parlare" della civetta? Ora non ho voglia di andare a vedere sul vocabolario).

Insomma,
buongiorno a tutte le mamme
che si appassionano ai loro figli

buongiorno alle nonne
che si appassionano ai figli
e ai nipoti

[continua a leggere...]

   1 commenti     di: Raffaele Arena


Distante Sibilo

Getta a terra il vetro stretto
in pugno,
guarda quel plasma cattivo
e dimentica la razza.

Muraglia d'uomini,
Va', va' lontano
con le tue gambe,
sarà lento l'avanzare,
ma immenso sarà il cammino
che si farà spazio
davanti
e dentro
te
in una terra
di Nuovi Occhi
che si mostrerà
e muoverà adagio
con la Sensualità di una
Creatura
mai vista prima...

Distante Sibilo prende

[continua a leggere...]

   2 commenti     di: Giulia


La torta

Il buio più totale
mi inghiotte
preservando il mio animo
nelle sue cineree braccia.
Il pensier s'annebbia
divenendo solo un'eco
di follie lontane
mentre i suoni
angosciosi
della lamentosa realtà esterna
più nitidi,
come lame accecanti
mi perforano dentro.
Con gli occhi chiusi
per un minuto soltanto
mi beo della stasi
del tempo
in cui mi trovo.
Sorrido e scompaio.

   2 commenti     di: Salvatore



Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

Poesie sulla paceQuesta sezione contiene poesie contro la guerra, sulla pace. Pensieri e frasi sulla pace e la fratellanza