username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Poesia sul sentimento rabbia

Pagine: 1234... ultima

Sarno

Pomici antiche
"cuesta" coprirono.
Lenta la deflazione
e venne il tempo
che a mille darcy
la pioggia sparse
gocce sue figlie e…
fu tutt'una frana
di fango sciolti granelli
curve di fondo cambiarono
in dendritico aspetto.
Poi … drenaggio inconseguente
elutriazione occulta, inascoltata
da emimorfi adoratori
dell'eurocemento.

   1 commenti     di: Giulio Caso




Ditemi voi se questo è un padre

Ditemi voi se questo è un padre:
un uomo che dei valori alla propria figlia non ne può insegnare,
un uomo che sparla di una vita che non ha saputo apprezzare.
Ditemi voi se sbaglio a ignorare
le lamentele di chi in 42 anni un lavoro decente non l'ha saputo trovare.
Ditemi se è corretto incolpare
un innocente per gli sbagli da lui commessi consapevolmente.
Ditemi voi se:
è naturale che

[continua a leggere...]



Maledetto ricordo

Vortice vischioso
di un Ricordo senza ali
che mi fa cadere giù,
nei miei occhi
si ripete.
La rabbia di amare
porta strascichi di morte.
Raschiando
la mia vita sulla tua
ne ho perso pezzi.
Restituiscimi
quello che ti ho dato.
Restituiscimi quello che ho buttato via.
A malapena il nome
a malapena,
notte bastarda,
io
bastarda,
sotto una luna fioca
ho perso qualc

[continua a leggere...]

   7 commenti     di: Sara *****


Anatema

Dal mille e ottocento
in modo evidente
sempre più eclatante

fino all'istante
da sempre
per sempre

sette sorelle assassine
condizionano
il nostro destino.

In tutto il mondo
causa loro la guerra
e lo sfruttamento di Gaia.

Hanno tutte lo stesso cognome
si chiama morte
sono tutte maledette.

Rappresentanti
di quelle entità astrali
che lanciano vibrazioni negative

incuton

[continua a leggere...]

   4 commenti     di: Raffaele Arena


La poesia della politica

La mia oggi non è considerazione ne di destra, ne di sinistra... È considerazione di logica... C'era una prima repubblica, in cui dominava la corruzione... È stata distrutta ed è venuta fuori una seconda repubblica, peggio della prima... Visti i risultati pratici... Forme nuove, che son peggio delle forme vecchie... Almeno nella prima repubblica c'era un concetto di reato chiaro... Il reato ri

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: Auro Lezzi


Il riscatto

L'esecranda politica
ha ancora un popolo?
Non basta esporre
cartelloni e bandiere
per costruire con slogans
una verginità stuprata.
Non basta incamiciato
o anonimi incappucciati
sfilare nelle litanie.
Il popolo la casta
un binomio divergente
disperato e permanente
una linea immaginaria
infida e fatiscente.

Servo perché obbedisce
non domanda ciecamente,
padrone perché imperver

[continua a leggere...]



Rancore

Ogni stanza ha le sue ombre,
ogni Luna ha un lato oscuro.
Piovono pezzi di respiro.

Nello spirto più mite
alberga un gigante furioso
che l'orbite ha annerite.

Sorge la rabbia e avvelena
la nostra mente, ghiaccia
le parole, guasta i piaceri.

Immortale ira gemella
cresciuta insieme a noi,
d'ogni capriccio ancella.

   12 commenti     di: Alessandro


Ossessivo frastuono

Chino il mio capo sulla mano fresca e profumata
ne colgo l'essenza inebriandomi di te.
La pioggia batte
ribattendo pensieri ossessivi e tristi,
non c'è sorriso sulle mie labbra,
non c'è luce nei miei pensieri,
sono acqua torbida che investe campi e prati
ricoprendoli di foglie secche.
Si perdono i miei occhi arguti e stanchi
dietro la collina dei ciliegi,
parlan

[continua a leggere...]

   21 commenti     di: Dolce Sorriso


Bruciata viva

Si chiamava Mary Lavinia.
Abitava nella casetta di fianco alla mia.
Aveva i capelli colore della cenere.
Occhi azzurri, tersi come il cielo d'estate.
E un sorriso meraviglioso, che portava gioia e calore alla gente del nostro villaggio.
Conosceva le erbe, come me.
Le nostre madri ce lo avevano insegnato.
Per curare le persone e fare del bene.
Mary Lavinia aveva curato molta gente e l'ave

[continua a leggere...]



Illusione

Nella mia vita di porte in faccia ne ho prese tante.
La tua è di sicuro la più pesante.

Delle delusioni che mi hai dato ho perso il

conto,

quindi della cattiveria ora non farò sconto.

Sono lontani i giorni in cui parlavamo

e tutto di noi due ci dicevamo.

Ora sei solo quello che credevo di sapere.

A differenza tua, io ti ho voluto bene.

Tu che profetizzi e non hai capit

[continua a leggere...]

   7 commenti     di: nella ruggiero



Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Rabbia.