PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie su satira e ironia

Pagine: 1234... ultima

La metamorfosi

Dal viale alberato
spunta un uomo trasandato
quale sia il suo passato
nessuno lo sa.

Dal viale alberato
spunta un cane randagio
con lo stesso passato
ma il futuro è segnato...

Visto che lo assalirà
visto che lo aggredirà.

E nel gira e rigira
tra la polvere alzata
nel viale alberato
ognuno l'identità smarrirà.

E nel gira e rigira
il cane bastonato
tra gli artigli l'uomo

[continua a leggere...]

   2 commenti     di: vasily biserov


L'ombra del progresso

La furia dei calcolatori
inventa nuovi linguaggi,
scrive un poema in versi
in un millesimo di secondo,
scherza con un milione di rime,
senza uno sbadiglio.

Noi siamo capaci solo
di balbettare sillabe,
tronchi costrutti senza futuro,
lenti e prevedibili.

Un uomo gioca
a scacchi contro un computer,
una lotta impari
tra un fantasioso prestigiatore,
lento e macchinoso,
ed un mago se

[continua a leggere...]



Invettiva (variante)

Sommersa dall'invasione
della cultura profana,
moribonda troppa gente
col piombo nel cuore
si accanisce ancora ad accumulare
(nell'era terminale del Ferro arrugginito)
l'oro materiale.
Sta avvenendo un'alluvione colossale
che la gente nemmeno può arginare;
anzi, più attaccata alla vita,
rifugiandosi nella parodia
proprio da quando sente
che l'impalcatura
sta per crollare.

   0 commenti     di: Alberto Giulini


Mi sento un re

Ecco l'estate
della mia arte
perché posso fare
quello che mi pare
amare, odiare, scherzare
e con tutta la mia voce urlare
ciò che mi dice il cuore

Il tuo fante non è niente contro il mio tre
della vittoria sento l'odore
mi gusto questo sapore
così gioisco intonando una canzone

E mi sento un re
termino tutte le parole in re
e non smetto di sognare
ma neanche di viaggiare
pe

[continua a leggere...]

   10 commenti     di: vasily biserov


La vanesia

Del tempo,
crudel tiranno,
ne assorbo ogni dì,
il dispetto.
Così m'accade,
dopo il varco
dei cinquanta,
che comincia
il bell'aspetto
a scemare
e non poco bisogna faticare,
per tirarsi su,
almeno il morale
alto sia!
Per me, donna farfalla,
che sempre
m'han chiamata bella,
vedermi trasformata,
-come fossi
geneticamente mutata-
mi duole al cuore,
mi fa star male.
Il s

[continua a leggere...]




Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Satira e ironia.