PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie su satira e ironia

Pagine: 1234... ultima

La fermata 71 dell'inferno

[Qui si narra di Dante, un concorrente di “Parole in Corsa*”, che mai riuscì a giungere alla premiazione]

Così stavvi alla fermata oppresso
che il settantuno tardea ad arrivare
e tanta era la noia: “Mezz’ora ci ha messo!”
La fermata colma di gente stufa d’aspettare.
Virgilio a me, per tradir l’attesa
“L’importante è vincer, non partecipare”
Non mi fu di

[continua a leggere...]

   3 commenti     di: Marco Donna


Ci vuole pazienza

Qualche volta perdo la pazienza:
quando vengo aggredita senza motivo,
quando il mio limite arriva alla deriva,
quando i bambini non mi danno retta,
quando fanno vedere le porcherie in diretta,
quando dormo male e mi sveglio con le occhiaie,
in quei momenti nessuno mi deve provocare.
Altrimenti esplodo, come una bomba,
divento tremenda e furibonda.
La mia voce diventa più forte dei tuoni,

[continua a leggere...]

   13 commenti     di: tania rybak


Puzzete sotto le coperte

Silenziosa la notte e dolce il mio vegliare,
l'occhio mio socchiuso ammira, sul davanzale,
ombre pallide che danzano, foglie mosse dal vento
in una limpida notte schiava della luna, senza tempo.

D'improvviso un frastuono!!!, dalla veglia al vigilare
In un baleno, l'occhio mio che prima era sornione
Ora è spalancato!!!..."che mai sarà stato?"
Non v'è ragion d'un temporale in un cielo

[continua a leggere...]

   5 commenti     di: Er Pezza


Cri... cri... cri

Cri... cri... cri...
sono un grillino,
son contento e canterino
cri... cri... cri...
che bel casino,
or bisogna capir bene
che faremo noi al potere.
Ora che il popolo italiano ci ha votato
o per rabbia o convinzione
siamo nella condizione
di gestire questa Italia.
Noi di idee ne abbiamo tante,
ma necessita attivarle
con chiarezza e raziocinio
per portare cambiamenti
e ridurre

[continua a leggere...]



Finocchio

Allungo la mia mano
su questa terra arida
incontro le tue forme, non fanno resistenza
la tua anima
sporcata solo
dal contatto terreno.
Ti strappo
ti avvolgo in queste mani,
avvicino la mia bocca
alle curve tue sinuose
ti intingo in olio e sale
ti mangio
finocchio mio.

   4 commenti     di: Pietro Chiabra



Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Satira e ironia.