username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Pensieri sulla vendemmia e il vino

Pagine: 1234567

Vendemmie antiche per novelli amori

uva nera, e tu bella da ubriacare
la gonna arrotolata
e la tua sete spreme questa vita

un tino, e tu bella uva bionda
pigi le mie viti
spoglie di acini ormai maturi

ridi, sensuale da impazzire
regali gradazione alcolica
al mio astemio cuore

settembre, ottobre e poi novembre
stappiamo questo novello amore
imbottigliato da vendemmia antica

caldarroste che scottano le mani
un ros

[continua a leggere...]

5
6 commenti    0 recensioni      autore: cesare righi


La vendemmia

sulla collina
s’aprono compatti
i filari,
cammino fra loro
con passi leggeri,
m’accarezzano
opachi raggi
del settembrino sole.
Tra le irregolari
proporzioni di vitigni,
s’accende il purpureo
della rigogliosa uva.
Acini, capezzoli di donna,
pronti a rilasciare
profumo di nettare.
Raccolgo grappoli straripanti,
fecondi ventri,
daranno al vignaiolo
zampilli sanguigni.
Sul

[continua a leggere...]



Bevendo una Nebbiolina ai piè del monte Venere

Camminando
su un sentiero d’iniziazione

Ossi-geni i tuoi folcloristici bouquet di fiori secchi
insaporendoli
roteandoli in supremo attento silenzio

Contempli il tuo viso

assaggiandoti in sacra coppa
nel tuo lucido trasparente bicchiere di cristallo

anche le freddi indesiderate nebbie avvolgenti
sono le luci distillate di un rivelante mantello

mentre cammini sempre più corpo

[continua a leggere...]



Ametista

Vagando per dolci ricordi
respiro mosto di neri caldari.
M’inebrio
palmenti d’ambra colata
succosi alla vista.

Fatica scolpita in giare.
Sorsi di racconti
da volti semplici
zampillano
cantando d’ottobre.

Calici innamorati
raccogliete in abbraccio
fruscio di morbida pesca.
Il biondo coronato da pampini
nudo di bugie compensa la compagnia.

Oblio di caldo vetusto
rubilia

[continua a leggere...]



Settembre

Vaio,
come l'uva settembrina
che ciondola
vanesia
in sugosi grappoli,
ci parla il cielo
dal suo covo
d'orizzonte

Tra le oblique schiere
di marziali filari
la gioia scolora.
Svapora in cirri
di malinconica trama
la nostra allegria



La vendemmia che più non c'è

Co' li baci
e le carezze
de fra sole,
li grappoli d'uva
rubino e oro
a la raccolta
maturi erano;
in cestoni de vimini
da giovini aitanti e belli
a la pigiatura
portati erano;
e qui
bimbi, giovini
e donne
a piedi nudi
e gambe scoperte,
canticchiando
danzando pigiavano pigiavano,
quel che po'
nettare de Bacco
divenia.



Aspettiamo la vendemmia

Gocce di rugiada
solcano grappoli
d'uva matura,
succosi acini perlati
da rigogliosi viti
pendono
pampini a tratti
nascondono
dalla bramosia
di un ladro.

Tutti frementi
spettano
un mano amica
per donarsi!



Vigneti del Sud

Vigneti del sud, chi mai rivelerà
le vostre segrete trattative coi raggi penetranti
di un sole innamorato.

Voi generate grappoli dal profumo inebriante,
dal colore di porpora antica.
Mistica liturgia d'amori senza inganni,
pace e sazietà di gioie familiari,
calori e rossori di afe meridiane,
paradisi conviviali di sentimenti ingenui.

Affondo il passo riverente,
tra le pieghe del

[continua a leggere...]

4
5 commenti    0 recensioni      autore: anna marinelli


La festa di Dioniso

Dioniso, invitami alla tua festa
circolo di gente viziosa e onesta;
i tuoi banchetti servono vino e voluttà
che hanno il dolce sapore della realtà.



Uva e vino

Ne lo ire
su lo dolce pendio
da lo Astro d'oro
carezzato,
file di viti
co' li sui
rubini e dorati grappoli,
le esperte e pazienti mani,
che con dolcezza
a la madre
staccandoli,
le cesti de vimini
riempion,
e di essi,
lo tanto amato
da lo Dionisio
e lo Bacco poi,
nettar
far.




Pagine: 1234567



Cerca tra le opere

Pensieri sulla vendemmia e il vinoQuesta sezione contiene poesie, pensieri e frasi sul vino, sul piacere del buon bere, poesie sul mosto, sulla festa della vendemmia dell'uva, sulla pigiatura e la spremitura dell'uva