username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La consolazione

Una bambina torna dalla casa di una vicina alla quale era appena morta, in modo tragico la figlioletta di otto anni.
"Perché sei andata?", le domanda il padre.
"Per consolare la mamma".
"E che potevi fare, tu così piccola, per consolarla?".
"Le sono salita in grembo e ho pianto con lei".
Se accanto a te c'è qualcuno che soffre, piangi con lui. Se c'è qualcuno che è felice, ridi con lui.
L'amore vede e guarda, ode e ascolta. Amare è partecipare, completamente, con tutto l'essere. Chi ama scopre in sé infinite risorse di consolazione e compartecipazione. Siamo angeli con una ala sola: possiamo volare solo se ci teniamo abbracciati.

 


6 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ester Ventagli il 14/05/2010 11:06
    Ho già ricordo di aver letto l'ultima frase, da una preghiera di Tonino Bello. Però è vero. Non possiamo stare da soli, per quanto si tenti di isolarsi. Come dice Chris McCandless, diventato per me ormai un modello da seguire, la felicità è reale solo se condivisa. Non è felice condividere solo con se stessi la felicità.
  • il 17/04/2010 20:05
    Siamo angeli con una ala sola: possiamo volare solo se ci teniamo abbracciati.
    Forse è il caso di indicare che è di don Tonino Bello in "un'ala di riserva"
  • Gianni Spadavecchia il 28/02/2010 22:43
    bellissimo racconto,... davvero molto dolce
  • il 27/12/2009 12:38
    Vero, la pietà e il saper consolare, doti di chi nasce con animo nobile o di chi impara ad amare il prossimo come se stesso.
  • Rosarita De Martino il 10/09/2009 19:44
    Un bellissimo racconto. Mi ha molto colpito l' ultima frase: possiamo volare solo se ci teniamo abbracciati.
  • Inchiappa Vito I Song il 31/08/2009 14:54
    La sincerità dei bambini, la loro innocente ingenuità denota l'amore e la vera compartecipazione al dolore che solo un cuore puro può donare a chi soffre.