username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

il barilotto di ammontillado

pagine: 12345678910

Avevo sopportato come meglio avevo potuto le mille offese di Fortunato. Ma
quando egli si spinse sino ad insultarmi giurai vendetta. Voi pero' che ben
conoscete la natura del mio animo non immaginerete certo che io possa avere
espresso alcuna minaccia. Mi sarei vendicato COL TEMPO; questo lo avevo
ben stabilito, ma la determinazione stessa con la quale avevo deciso di agire
precludeva ogni idea di rischio. Non soltanto dovevo punire, ma dovevo farlo
senza riportarne danno. Un torto non e' riparato, se la punizione ricade sul
vendicatore; e rimane ugualmente inespiato, se il vendicatore non riesce a
farsi riconoscere da colui che gli ha recato offesa.

Voglio fare chiaramente intendere che non ho dato modo a Fortunato ne' con
parole ne' con gesti di dubitare della mia buona disposizione d'animo nei suoi
riguardi. Continuai, com'era mia abitudine, a sorridergli, ed egli non si
accorse mai che il mio sorriso ADESSO nasceva dal pensiero del suo prossimo
annientamento.

Aveva un punto debole, questo Fortunato, benche' per altri versi fosse uomo da
incutere rispetto e persino paura. Egli si vantava di essere gran conoscitore
di vini. Pochi italiani hanno il temperamento del vero VIRTUOSO: di solito il
loro entusiasmo e' adeguato al tempo e alle circostanze, e si affina
soprattutto nell'imbrogliare i MILLIONAIRES inglesi o austriaci. In fatto di
pittura e di gemme, Fortunato, come tutti i suoi compatrioti, era un
ciarlatano; ma in quanto a vini vecchi se ne intendeva. Sotto questo riguardo
io non differivo molto da lui; ero anch'io esperto di vini italiani, e ne
compravo in grande quantita' ogni qualvolta mi era possibile.

Fu verso l'imbrunire, in una sera in cui il carnevale al suo colmo impazziva
nelle sue estreme follie, che io incontrai il mio amico. Mi si avvicino' con
eccessivo calore, poiche' aveva bevuto moltissimo. Era travestito da buffone:

12345678910


10
4 commenti     recensioni    

4 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Stefano Milighetti il 01/09/2011 18:44
    Gran racconto!!! Il grandissimo Poe non si smentisce mai!!!
  • patrizia chini il 15/06/2011 15:00
    un racconto alla "Edgar Allan Poe" Suspence, intrigo e lucida malvagità ...
    capacità narrativa eenzale, incazante... efficace nel suo intento, da studiare.
    Piaciuto... anche se l'azione raccontata è riprovevole... molto
  • Laura cuoricino il 07/08/2010 23:13
    Alla fine proprio mi sono ricordata... e l'ho ritrovato accattivante!
  • il 18/03/2010 20:11
    Interessante e ben costruito