username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Racconti gialli

Pagine: 1234... ultima

L'ultimo contratto 2

Il ritiro di Moretti

Ho ucciso Ziegler tre mesi fa, ho dovuto farlo, non avevo scelta, e da allora la mia vita è cambiata.
È cambiata già nel momento stesso in cui premevo il grilletto, mentre lui mi ringraziava perché mettessi fine alla svelta alla sua esistenza.
Pochi minuti prima gli avevo chiesto del perché della sua sventatezza, l'aver rivelato il proprio nome è una regola che nel nostro campo non si deve mai infrangere e lui, poi, l'aveva fatto per ben due volte nella stessa missione. Avevo intuito che ci fosse di mezzo una donna, lui me l'ha confermato. Era ciò che volevo sapere perciò gli ho sparato al corpo e non alla testa, come nostra abitudine.
Per farlo fuori ho dovuto servirmi di un secondo sicario, non era facile eliminare il numero 1 dell'Agenzia, in uno scontro diretto forse non ci sarei riuscito ma volevo parlargli prima che morisse, volevo sapere il perché del suo atteggiamento. Per questa bramosa curiosità ho sacrificato l'altro sicario, votato in partenza alla morte, perché Ziegler è uno tosto. Anzi lo era.
Aveva in mente di vendicare la morte della sua donna, da lui stesso fatta fuori per contratto, è entrato nel salone del suocero armato con due pistole. Ho detto al secondo uomo appostato alla sua sinistra di far fuoco appena lui estraesse le pistole e così ha tentato di fare, ma non sapeva di tenere sotto tiro Ziegler che fulmineo ha sparato incrociando le armi. Due colpi in tutto, alla testa, uno alla sua vittima predestinata e l'altro al sicario alla sua sinistra. Solo allora ho fatto fuoco anch'io, alla sua destra, cogliendolo al fegato ma sconquassandogli tutto il torace.
Perché Ziegler? Perché tanta inutile distrazione? Una donna vale la vita di un uomo? Un uomo di nome Ziegler? Questo volevo sapere direttamente da te e per questo non ho mirato alla tua testa.
Da quel giorno sono passati tre mesi, la vita doveva rientrare nella sua quotidianità e tale è sembrato, invece nulla per me è stato come prima.
Tu

[continua a leggere...]



Fantasmi del passato - Parte seconda e ultima

Parcheggiai qualche metro lontano dal magazzino, recuperai l'arma e m'incamminai a piedi.
Quella era una zona industriale abbandonata: il posto ideale per nascondere una bambina e coprire le grida.
Arrivai davanti al posto e alzai gli occhi sull'insegna che diceva proprio "Dall'Angelo Custode".
La serranda del garage era a metà, e immaginai che l'avesse lasciata lì come una sorta di invito ad entrare. E così feci.
Feci qualche passo e mi guardai intorno: nella penombra notai che il posto era pieno di macchinari. Sembrava essere un vecchio magazzino dove a suo tempo veniva prodotto materiale di sicurezza alla persona: impalcature, pedane, ponteggi e capii il perché del nome.
Stavo esplorando il posto quando sentii un rumore. Tesi l'orecchio e lo risentii.
Immediatamente capii che c'era qualcuno in quello stanzone con me. Distinsi un'ombra, alzai l'arma e gliela puntai contro.
"Ah ah ah ah!", mi disse come un rimprovero. "Non così in fretta."
"Lascia andare la bambina", lo intimai io. "Adesso."
Nel buio e nella poca luce che c'era nel magazzino, percepii i suoi occhi infuocati puntati addosso. Poi udii una risata.
"Non sei più un poliziotto e vai ancora in giro con un'arma?", mi domandò.
Avevo ancora paura, lo sentivo. Ma ero carica di rabbia nel ripensare a tutto quello che aveva fatto.
"Allora è proprio vera quella storia che i poliziotti che vanno in pensione, prima o poi si ritrovano coinvolti in qualche caso anni dopo."
"Beh, sei stato tu a volerlo", gli risposi.
"Volevo rivederti da vicino. Mi sei mancata."
Era come se il mio corpo fosse una specie di ventosa: la mia sudorazione aumentava e sentivo i capelli attaccati al viso e al collo, pizzicarmi.
Alla fine cercai di inghiottire quel nodo che sentivo in gola, e dissi: "Voglio la bambina."
"La bambina?"
"Niente giochetti, vai a prenderla."
"Tu non sei in grado di salvare le persone. Te lo ricordi, vero?"
Deglutii.
"Io me lo ricordo bene. Ero lì con voi."
"Dammi

[continua a leggere...]

1
10 commenti    0 recensioni      autore: radioattiva


Il predestinato

Incipit:

"Non si sa quanta curiosità rimanga nell'animo di un uomo che ha deciso di togliersi la vita, né cosa dovrebbe accadere per fargli cambiare idea. Così come non si sa come sarà la sua vita, se decide di restare nell'al di qua."
Così recitava l'introduzione di un articolo scritto da un sociologo su una rivista di divulgazione popolare che Piermario aveva ritagliato e appeso nella sua camera, in attesa di prendere una decisione che fosse una risposta a quel quesito.

Piermario Cantacesso sta immobile, dritto sulla spiaggia, con i piedi affondati nella sabbia umida. È un freddo mattino di fine ottobre. Ha lo sguardo fisso oltre l'orizzonte, quello stesso orizzonte che tante volte ha osservato con espressione sognante, pervaso di poesia e d'incanto. Un limite geografico perforato dalla fantasia, alla ricerca di un imperscrutabile futuro, prosieguo di uno spazio temporale dove costruire nuovi mondi, nuovi rapporti umani, nuovi incontri, nuove esperienze... altre vite. Ora invece eccolo lì, ammutolito nel pensiero. Si passa la mano sulla fronte umida, fra quei pochi capelli dimenticati, appiccicati alla cute o scompigliati dal vento. Il suo respiro è regolare, breve, distratto: come se non gli importasse più di riempire i polmoni. Spiegato di fronte a sé c'è il mare, maestoso. Un manto grigio di riflessi di nubi distese sul mondo, come un coperchio leggermente scostato per fare uscire i vapori di bollitura. Tra i buchi strappati dal vento di quota, la luce del sole goffamente s'infila, come un braccio fatica nella manica ostile, facendosi breccia la mano nella maglia contorta, fino a uscire dal polso, nel torpore assonnato del primo mattino. Quel sole d'autunno che nasce di sbieco, sale di sbieco e scende di sbieco la sera, come sempre fa in questa stagione. Dopo un'estate radiosa, passata ad arrampicare la vetta del cielo, ora a fatica raddrizza la schiena, come un vecchio bracciante per troppo tempo chinato sul lavoro dei campi. Se c'è un mo

[continua a leggere...]

0
2 commenti    0 recensioni      autore: Rudy Mentale


Il venditore d'energia

Cammina veloce con il suo solito passo.
Tra bambini chiassosi, intenti a giocare sul marciapiede.
Ai lati della strada, solo casermoni di edilizia popolare.
Sui muri, incomprensibili scritte spray sovrapposte tra di loro.
Manifesti strappati, skateboard impazziti.
Donne anziane intente a chiacchierare, arrancano con fatica.
Trascinano carrelli colmi di verdure, è giorno di mercato.
Volantini pubblicitari esondano da cassette postali.
È un pomeriggio d'inverno inoltrato di giorno qualunque.
È il suo ultimo tentativo, deve vendere qualcosa, le sue finanze lo impongono,
ma non è giornata.
Scazzato, inizia a salire le scale di un vecchio palazzo.
Le etnie che vi abitano fanno a gara per imporre i loro odori.
Minestre, paprica, ragù e spezie si mischiano, ma le cipolle come sempre prevalgono.
Entra in un buio corridoio vede una porta socchiusa, bussa due, tre volte senza risposta alcuna.
Si affaccia e dalla gola a fatica gli esce un roco "c'è qualcuno?" ... niente.
Qualcosa lo spinge a entrare, lo fa con molta circospezione, è un piccolo monolocale.

L'aria è viziata da essenze scadute, e copre l'odore di un posacenere sovraccarico.
Lenzuola nere, sgualcite, ma asciutte fanno pensare a qualcosa che non è stato.
Calici semivuoti colorati di labbra, carta di cioccolatini, biscotti da thè.
Biancheria calpestata in ordine sparso, gettata alla rinfusa, tipico di chi è in preda ad una pazza frenesia sessuale.
Un fastidioso rubinetto esausto gocciola su sporche pentole.
Su dei piatti ottagonali neri, gli avanzi di una cena bruscamente interrotta.
Due rosse candele consumate versano lacrime di cera.
La luce blu di un'insegna al neon illumina ad intermittenza, la tappezzeria in stoffa sulle pareti della stanza.
Sopra il comò, una parrucca bionda appoggiata sulla testa di un finto leopardo di gesso.
Accanto, un giovane corpo nudo giace freddo sul pavimento gelato.
Un brutto segno blu sul collo, copre in parte una piccola stella rossa tatua

[continua a leggere...]

0
1 commenti    0 recensioni      autore: Aldo Riboldi


S ritrovato morto con un profilattico in bocca (pseudo giallo 3)

Il mio Stefano è di madre svedese e padre italiano. È bello da mozzarti il fiato, il mio Stefano. Occhi chiari e sinceri, capelli biondo scuro, pelle abbronzantissima. E come siede elegantemente sulla sedia! Sta mangiando gli spaghetti al sugo che ho cucinato io. Saranno uno schifo come al solito. Perché come al solito ci avrò messo troppo sale, o avrò dimenticato qualcosa.
Ma lui stasera non dice niente. Mangia anzi con gusto e sembra avere gli occhi che gli sorridono.

Quando lo guardo non posso fare a meno che pensare di essere proprio fortunato a essere gay. Anche se non ho scelto io di esserlo, anche se ci sono stati dei giorni nella mia vita in cui non avrei mai voluto esserlo, e invece adesso, con la persona giusta...

E mentre io metto la mia prima forchettata in bocca pensando a tutto ciò lui mi domanda: " E come vanno le cose sul lavoro?"

E io gli racconto del nostro ultimo caso. Del profilattico giù ficcato in gola, di tutto insomma.

E lui, il signorino, per tutta risposta, sfoderando uno dei suoi sorrisi migliori mi dice: "... ormai noi potremmo anche fare a meno di usarlo..."

E io: "Ti fidi così tanto di me?"

Lui non mi risponde neanche. Mi bacia.



Da noi arriva per essere interrogato un sospettato. Premessa: Stefano, il morto, non il mio Stefano, oltre ad essere stato il regolare marito di tale Valeria Pontigioni, aveva ben due amanti ufficiali. Un maschio e una femmina, per la precisione. La femmina l'abbiamo già sentita ma senza che ci destasse qualche sospetto fondanto.
Quindi rimane 'sto Fabrizio Bongini qua da sentire... tipo sui quaranta, niente male, con quel non so che dell'intramontabile divo del cinema... dobbiamo troppo sentirlo anche perché secondo pettegolezzi - tutti di paese e di primissima mano- i due avevano avuto una storia o avventura che fosse stata, piuttosto tormentata.

Il tizio a una prima occhiata superficiale sembra che stia anche bene. Ma a un occhio vigile

[continua a leggere...]

0
1 commenti    0 recensioni      autore: frivolous. b


L'Oscuro Senziente (Il Sogno)

Dannazione, era buio. I lampioni della strada, su cui s'affacciava la mia camera, erano andati in cortocircuito proiettando sulle pareti umide degli edifici giochi di luci ed ombre evanescenti. Forme variegate, caotiche, che avrebbero destato la fantasia di chiunque si trovasse nei paraggi. Giochi che si riflettevano anche sulle finestre del mio appartamento e sulle mie palpebre, destandomi da una veglia pigra e leggera. Mi svegliai all'improvviso, nella notte, con il cuore impazzito. Avevo il fiato corto, mi mancava inspiegabilmente l'aria; sgranai gli occhi davanti all'oscuro ritratto del lampadario sul soffitto... le sue ombre in contrasto con i zampilli di luce, erano pronte ad attanagliarsi su di me, lunghe e caotiche, come i tentacoli di un mostro. Chiusi velocemente gli occhi impaurito, rapido, e feci forza cercando con le mani il morbido materasso su cui riposavo. Strinsi avidamente il tessuto, paonazzo, e poi... mi misi in piedi. Barcollai per qualche attimo, solo per un momento, allungando immediatamente la mano sinistra sulla parete fredda che circondava l'armadio, stranamente socchiuso. Sentivo freddo, le mie gambe erano nude e i peli del corpo si rizzavano impauriti come quelli di un gatto davanti al pericolo. C'era silenzio, le orecchie mi rimbombavano come se mille tamburi suonassero arrabbiati sui timpani addolorati, pronti a sanguinare. Come se il cervello volesse uscire a tutti i costi, premendo anche sulle tempie. Mentre il buio turbinava nella stanza continuando ad offuscare le mie sensazioni, iniziai a sentire un respiro profondo provenire da un punto imprecisato della camera. Un respiro da brivido, mostruoso. Che diavolo?... Era vicino a me, e avevo paura. Cercai di ragionare e strizzai gli occhi appesantiti dal sonno turbato, mentre l'oscurità, crudele, continuava a mischiare i colori e i suoni in un mix spettrale. No, era ben peggio... l'intero condominio era al buio, preda di uno strano gioco. Dentro di me lo sapevo per certo. Quell'agonia

[continua a leggere...]

0
0 commenti    0 recensioni      autore: Leonardo


Penny è volata dal tetto. (Cap 6)

[continua a leggere...]




Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

Racconti gialliQuesta sezione contiene storie e racconti gialli, racconti polizieschi, di indagini e di crimini