username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Racconti horror

Pagine: 1234... ultima

La donna del lago -seconda seduta-

"Allora, riprendiamo da dove ci eravamo lasciati. Mi ha detto che quella donna le aveva rivelato, non so se è il termine giusto, una filastrocca, uhm, mi faccia vedere:

Vieni da me
non te ne andare
liberami dalle catene
che mi fanno affondare.

Vieni da me
fui ingannata
diceva di amarmi
mi ha affogata.

Vieni da me
portami via
la mia giustizia
è anche la tua.

Non è molto criptica, a lei non dice niente?"
"No"
"Non è successo mai niente in famiglia sua prima di questi episodi?"
"No"
"Eppure l'ultimo verso 'la mia giustizia è anche la tua ' la coinvolge...
Mi diceva che gli incubi erano passati per un certo periodo e, se non sbaglio, sono tornati sei mesi fa"
"Sì"
"Se la sa dare una spiegazione?"
"Sei mesi fa è morta mia nonna, io sono l'unico erede e sono stato costretto ad andare in quella casa. Non ci sono più tornato dalla morte dei miei genitori. Una volta varcata quella soglia sono tornati gl'incubi, lo sapevo ma, non ho potuto evitarlo".
"Io penso che, se vuole liberarsi dagli incubi, dovrà affrontarli. In quella casa c'è la soluzione al mistero, qualcosa che è stato celato e che vuole riemergere e che per qualche strano motivo lei ne fa parte".
"No. Non ci tornerò più. La casa adesso è in vendita, ci penserà l'agenzia, io, voglio solo dimenticare"
"Ma non capisce! È proprio questa sua ostinazione che non la libererà. Chiunque sia questa donna, vuole che lei la rintracci e non avrà pace finché non lo farà".
"Non ce la faccio... lei ha ucciso i miei genitori! Io non l'aiuterò!"
"Ma non ha ucciso lei! E questo avrà pure un perché? Aveva l'opportunità di farlo per ben due volte eppure non l'ha fatto. Dia retta a me, torni alla casa e al lago; cerchi qualsiasi cosa, legga i giornali locali, soprattutto i fatti accaduti prima del 1981. L'aspetto tra dieci giorni".
"No dottore, non lo farò"
"Si ricordi il motivo per cui è venuto qui!
La seduta è terminata".

   5 commenti     di: Paola B. R.


Ogni notte

Mi chiamo Tom, ho 18 anni e qualcosa da dirvi.
Sono sicuro che molti di voi, anzi, tutti hanno almeno sentito parlare di fantasmi, vampiri, streghe, lupi mannari...
E sono sicuro che buona parte di voi è scettico circa queste creature, penserete che esse popolino solo le fiabe e le storie dell'orrore, che sono frutto della superstizione e della fantasia dell'uomo, e penserete che di sicuro non possono esistere creature simili.
Io non ho mai creduto a tutto ciò, fin da piccolo. I miei genitori mi dicevano sempre che non esistevano spiritelli e mostriciattoli dalle gambe lunghe, io non ho fatto altro che ascoltare i loro insegnamenti, senza pensarci neanche troppo su.
Ma un anno fa, in uno dei tanti pomeriggi d'estate, successe qualcosa che ha cambiato la mia vita per sempre, qualcosa che terrò impresso nella memoria, fino alla morte.
Sono sempre stato un ragazzo calmo, a avevo sempre buoni voti, praticavo il pugilato e avevo una ragazza. Vi sarete accorti che ho appena parlato al passato. L'ho fatto perché dopo quell'evento, dopo aver visto con i miei occhi qualcosa di cui ho sempre ignorato l'esistenza, io non sono più un ragazzo calmo; a scuola non ho più bei voti, non pratico più il pugilato e ho perso la mia ragazza.
Ogni notte, prima di andare a letto, ho dei "flash" che mi fanno rivivere quel tragico pomeriggio. Sento ancora il sudore sulla mia pelle, sento i fasci di erba e spine intrecciarsi tra le mie gambe facendomi sanguinare e sento ancora le urla...
A volte mi domando se riuscirò ad andare avanti, a volte mi sembra persino di aver dimenticato, forse mi capita di sorridere. Ma ogni notte la morte viene a farmi visita; si ferma ai piedi del mio letto, riesco a sentirne l'odore, e ammetto che spesso ho desiderato andare da lei e porre fine al mio dolore per sempre.
Ma dentro di me, qualcosa mi ferma, mi dice di non farlo, mi dice di continuare a soffrire e raccontare agli altri affinché tutti sappiano. Beh, io do ascolto a quel qualcosa, l

[continua a leggere...]



L'eredità (parte 1/2)

"Sorellina, non crederai mai a ciò che sto per dirti!" Max piombò nel piccolo salottino in preda all'euforia, facendola quasi sobbalzare per lo spavento.
"Che diavolo Max, vuoi farmi venire un accidente?" Lo rimproverò lei alzando gli occhi dal libro che aveva preso in mano da poco. Si trattava di Scheletri, una raccolta di racconti scritta dal suo autore preferito, Stephen King.
"Scusami tanto Vale, ma sono troppo contento." Non ci sarebbe neanche stato bisogno di dirlo, la ragazza lo notò dalla larghezza del suo sorriso e da una strana luce presente nelle sue iridi. "Ok, dimmi di che si tratta, ma che sia qualcosa di abbastanza serio da giustificare l'interruzione della mia lettura altrimenti per te saranno guai."
"Lo è sorellina, lo è. Stamattina il postino mi ha portato questa lettera," disse sventolandola per un attimo in aria. "L'ha scritta un notaio, il quale ci invita a raggiungerlo ad Aosta al più presto."
"Scusami un attimo, tutta questa euforia per un viaggio senza motivo ad Aosta? Ti ha dato di volta il cervello?"
"Fammi spiegare! Il motivo per cui dobbiamo andarci è semplice; un nostro zio è morto ed essendo noi gli unici parenti alla lontana rimasti, automaticamente siamo divenuti anche gli unici eredi."
L'atteggiamento di Valentina mutò completamente e anche a lei finalmente spuntò un sorriso che la rese incantevole. Non avevano un assoluto bisogno di soldi certo, ma un'eredità spuntata dal nulla era un sogno che avrebbe fatto gola a molti. La classica opportunità di dare la svolta ad una vita che, fino a quel momento non era stata per niente entusiasmante, soprattutto dopo la morte di entrambi i genitori in un incidente stradale.
"Davvero? Gli unici eredi?"
"Proprio così, dice che ha impiegato parecchio per scovarci nell'albero genealogico."
"Per caso accenna anche a cosa ci ha lasciato questo zio?"
"Non è molto specifico per quanto riguarda i soldi, ma lo è invece sulle proprietà."
"Avanti

[continua a leggere...]



La cosa sotto il cortile

Ho preso in affitto una casetta a Kalag, situata in un cortile interno. Il prezzo è basso ed è un posto tranquillo.
La sera del mio arrivo, al tramonto, il cielo è livido, percorso da striature gialle che fanno rabbrividire. Da un portone entro in un cortile incassato fra vecchi magazzini, con finestre buie, piene di inferriate.
Le casette sono situate a sinistra. Nella prima abita una famiglia di ortolani con il padre centenario. Nella seconda c'è l'osteria; la terza è la mia e nell'ultima c'è una vecchia sguattera con un figlio deficiente dalla nascita. La vecchia rientra dal lavoro alla sera e suo figlio sta tutto il giorno a un finestrino a guardare fuori e fare smorfie con la bocca.
Nelle giornate senza sole dell'autunno, dalla mia finestra guardo il muro di fronte, sormontato da cocci di bottiglie. È una mattina fredda e grigia. Dal lato opposto c'è la grata della fogna. A sinistra c'è una cantina e dei rottami di ferro: un treppiede arrugginito, catene... C'è anche una porticina che va nel pollaio.
Nei pomeriggi asciutti c'è un po' di animazione. Il cortile viene utilizzato dai clienti dell'osteria per giocare a bocce. Quando il tempo è grigio e umido o quando piove il cortile diventa un pantano.
Alla sera qui chiudono presto, sbarrano porte e finestre come se avessero paura degli spiriti. Meglio così, dormirò più tranquillo.
Invece mi sono sbagliato. Una notte mi sveglio di soprassalto. Qualcuno sta urlando come se lo stessero scannando in qualche stanza.
Sono le due di notte. Si sentono urla bestiali, inframmezzate da parole rabbiose. Mi alzo dal letto e corro a spiare alla finestra. Il vento freddo e pungente mi schiaffeggia il viso. La luna di settembre imbianca il cortile deserto percorso dalle ombre seghettate delle grondaie. Non si vede anima viva. Le urla all'esterno sono attutite. Le foglie accartocciate della vite sotto la finestra frusciano contro il muro.
Il mattino presto, come al solito il vecchio centenario va a spasso n

[continua a leggere...]

   1 commenti     di: sergio bissoli


La festa di halloween (parte 1)

Quinn era sempre stata una sognatrice, sognava di stare con il ragazzo che le piaceva, sognava di essere ammirata da tutti e sognava di avere un padre, il suo era morto quando lei aveva solo 5 anni.
Era la sera di halloween lei e il suo gruppo di amiche avevano deciso di fare una festa da sballo e avrebbero invitato anche i ragazzi che gli piacevano, tutto era già organizzato sarebbero stati nella casa in campagna della nonna di quinn. La festa sarebbe iniziata intorno alle 9:30 e visto che facevano le superiori e che il giorno dopo non si andava a scuola potevano fare l'orario che volevano. Le quattro ragazze spesero molto tempo per i preparativie bisognava lavorare anche agli invitati, anche se non sarebbe stato difficile. Gli invitati ufficiali sarebbero stati jeke, simon, andrew, matt e la loro comitiva, gli amici più stretti come mark, spike e emmet e infine le ragazze come fleur e il suo gruppo e altre. Quinn, sky, sarah e demi andarono nella casa dopo pranzo per sistemare tutto, finirono di sistemare verso le 6:30 la festa sarebbe iniziata fra tre ore. Le quattro ragazze previdenti avevano portato trucchi, vestiti, prodotti e accessori per i capelli. Tutte erano bellissime e allo stesso tempo spaventose con i loro costumi, Quinn era vestita da strega aveva le gambe nude con un tutu nero da ballerina con sotto delle culotte viola scuro e un corpetto rosa fluo con dei lacci neri brillantinosi e un cappello a punta nero con dei brillantini con dei lacci rosa abbinati al corpetto e delle ballerine viola scure, Sky era vestita da vampira con un vestito corto attillato blu notte con delle gemme nere.. la bocca contornata di un bel rosso scuro sgfoggiava due bianchi canini e in testaportava una retina nera e portava degli stvali neri alti fino al ginocchio.. sarah indossava dei pantaloncini neri con una maglietta attillata viola e due antenne nere e demi indossava una maglietta con una spalla scoperta e dei jeans strappati macchiati con delle goccie di sangue f

[continua a leggere...]

   7 commenti     di: emma °


Lammas

Una sera d'estate mentre vado a passeggio dopo cena. Costeggio lo scolo d'acqua del villaggio prima di inoltrarmi in campagna. Dietro la finestra di una fattoria una vecchia con il naso grosso lavora con l'ago. Una gallina gira davanti. Una bambina in mutandine bianche gioca da sola in un cortile.
Agosto è scolpito nella campagna. Anche le case che ho lasciato dietro di me sembrano diverse, più piccole e colorate. A tratti arrivano aromi forti e strani che si sentono solo nelle sere di agosto. L'aroma secco del mais, quello unto dei girasoli. L'odore umido del fiume...
É una sera divina con un tramonto da fiaba. Il sole rosso diventa enorme, smisurato. Sulle stoppie vola uno stormo di cornacchie.
In uno spiazzo dei campi c'è una ragazza sola con i capelli lunghi. Sta accendendo alcune candele poste in un cerchio di fiori. Il suo volto serio e prezioso sembra quello di una Dea.
L'amore per lei mi prende all'improvviso come una malattia. L'amore è una piccola morte, penso. Allora mi fermo a guardarla, da lontano, stando nascosto dietro il tronco di un albero.
Fiori e candele accese sono poste davanti al sole. Il cielo al tramonto è un lago di luce rosa con isole di nubi celesti.
Sotto un gruppo di tigli lì vicino ci sono alcune buffe sagome di cartone. Raffigurano personaggi grotteschi... Il cielo è un lago di sangue che diventa sempre più cupo e coagulato.
Adesso la ragazza intona un suono basso, vibrante, risonante, gutturale... Una <<Mmm...>> ripetuta all'infinito, su varie tonalità... Nubi a forma di drago si allungano nel cielo.
La ragazza continua a cantare e mentre canta non sembra più sola... Questa specie di ronzìo cala di timbro, poi si alza, vibra più forte, si avvicina a qualcosa, una rivelazione, una soluzione, che però non arriva mai... Lame di nebbia salgono su dai fossi e strisciano sul terreno. C'è una atmosfera umida e calda. A ovest la nebbia diventa rossa e invade metà cielo.
Il canto continua, come una invocazione, e al r

[continua a leggere...]

   2 commenti     di: sergio bissoli


Vigilia di Natale

La temperatura era scesa notevolmente nei giorni che precedevano il Natale.
Dai comignoli sui tetti usciva ininterrottamente il fumo grigio dei camini.
In città i segni della ricorrenza che stava per arrivare erano evidenti: per strada festoni colorati e scritte augurali spezzavano l'effetto monocromatico degli edifici scuri; gruppetti di musicisti suonavano nenie sperando in un'offerta e le campane delle chiese continuavano a richiamare i fedeli.
Nelle case le famiglie intonavano canti natalizi.
Tom era un uomo piuttosto piccolo di statura, ma robusto. Dal suo viso non trapelavano emozioni. Guardandolo attentamente, gli occhi vicini e il naso aquilino facevano venire in mente un rapace.
Vestiva in modo distinto ma sobrio.

"Mi sento più buono, più sereno". I suoi movimenti erano decisi. "Sarà il periodo". I gesti che compiva denunciavano pratica e precisione.
"Queste feste infondono sempre una sensazione che predispone alla pace". Continuò a muoversi con la solita abilità. Il seminterrato era poco illuminato e piuttosto freddo ma i suoi occhi erano abituati a quella situazione e oltretutto una temperatura più alta avrebbe potuto creare problemi per la sua occupazione. Si asciugò la fronte con la manica della giacca e fermandosi un attimo pensò: " Questo è l'ultimo per quest'anno. Domani è Natale e mi concederò un po' di riposo" La neve aveva ricoperto ogni cosa e i bambini per strada giocavano contenti. Dalla finestra di una casa vicina si diffondeva un buon profumo di arrosto. Due cavalli avanzavano con difficoltà trainando sul lastricato viscido un carro carico di legna da ardere. Il conducente schioccava la frusta per incitarli. Qualche passante frettoloso, chiuso nel proprio mantello, si proteggeva dal freddo e dalla neve. "Mi è venuto un certo appetito" disse tra sè e sè e sciacquandosi le mani insanguinate diede un altro sguardo al corpo martoriat

[continua a leggere...]




Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene storie dell'orrore, racconti horror e sulla paura