PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La lepre

Le brume del mattino sfioravo i ciuffi d'erba bagnata che brillava come coperta da mille lustrini d'argento. La notte era passata nell'attesa: la caffettiera già pronta per il mattino, i pantaloni ben piegati sulla sedia, il rumore del ticchettio della sveglia che scorre lento nella buia e lunga notte.
Poi, dal balcone socchiuso i primi timidi raggi dell'aurora che accarezzavano il mio volto assonnato. Non c'è più tempo, ci si deve preparare: l'acqua fredda per rinfrancare lo sguardo, il profumo del caffè per preparare questa nuova giornata. La mano scorre veloce lungo la fibia della cartuccera, lo sguardo scruta il ferro lucente del fucile; nel cortile Jack e Furia, quasi sentissero la trepidazione che mi passa in cuore, iniziano ad abbaiare piano, come a dire: "Eccoci, siamo pronti! Saremo con te oggi". Il campanile scocca l'ora mentre l'ultimo lembo di notte e di nebbia fugge verso l'orizzonte. Ed ecco, io e i miei due fedeli segugi, i miei fedeli compagni, addentrarci tra le stoppie e i prati freschi di sfalcio.
Jack corre ad odorare ogni cespuglio, Furia scruta ogni ciuffo d'erba..."Cerca Jack, forza forza Furia"... i cani si cercano, il muso in una attento lavoro, in una smaniosa ricerca, poi Jack che fa sentire forte la sua voce, Furia lo raggiunge i due iniziano a seguire la traccia come in una danza primordiale... corrono, si fermano, poi sembra sia stato tutto un errore, Jack si avvicina : "Bravo Jack, bravo, dai continua" e gli passo la mano sul muso per dargli la mia fiducia. Furia continua ad abbaiare, ad un tratto i due iniziano a correre più forte : "eccola, ecco la lepre che cercavama!". Bella con il suo manto grigio e le sue possenti zampe. Corre, fugge dall'abbaiare continuo dei segugi che la inseguono, procede veloce, compie lunghi salti e d'un tratto si immerge nel fitto del bosco. I cani la seguono, ormai hanno visto la preda e sarebbe difficile farli tornare. L'abbaiare si perde tra gli alberi e i rovi, ad un tratto cambia strada e si sentono i cani sempre più vicini. Il cuore inizia a correre assieme ai cani: "Ritorna verso il prato", penso fra me. La mano stringe forte il calcio del fucile e le dita tese incrociano il ferro del grilletto. La lepre arriva veloce ed ansimante dal bosco, compie un salto, io sparo, poi il silenzio; mentre l'odore della polvere da sparo si spande attorno a me, tutto tace, anche i cani che hanno ormai raggiunto l'animele morente lo guardano senza più abbaiare. Mi avvicino, prendo la lepre: "Coraggio Jack, vieni Furia... torniamo a casa. Per oggi abbiamo fatto abbastanza"

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Donato Delfin8 il 15/05/2010 13:12
    Ottimi dettagli.
  • Cristina Frizzoni il 29/09/2007 10:03
    Bello il tuo racconto. Io vivo in collina e proprio questa mattina ho sentito un cacciatore incitare i suoi cani
    : "DAI JACK! DAI FURIA!"
  • Eleonora Rossi il 07/08/2007 19:22
    Bellissima storia.
  • sara rota il 26/06/2007 15:12
    Carino, ma forse un po' troppo descrittivo...
  • Davide Mirabello il 18/06/2007 23:57
    Scritto bene. Buono il ritmo.
  • Stefano Porcu il 29/01/2007 13:28
    e un po crto ma bello
  • armando pascale il 01/11/2006 15:26
    Ciao Giulio. è molto bello il tuo racconto. La poesia della caccia la può capire chi l'ha esercitata. Leggi il mio racconto - giornata di caccia - Ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0