PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La Fiaba dell'Aquila e del Delfino

C'era una volta un tempo in cui mare e cielo erano luoghi separati da un confine invisibile che, a pelo della superficie dell'oceano, era stato tracciato, per dividere l'aria dall'acqua.
In quel tempo, i delfini del mare guardavano le aquile in volo e le aquile in volo guardavano i delfini del mare, senza potersi mai incontrare.
Spesso si invaghivano gli uni delle altre e viceversa, ma non trovavano il modo di poter vivere questo sentimento, perchè la separazione dei mondi ne impediva l'incontro e la diversità dei corpi non consentiva agli uni di entrare nel mondo delle altre.
Qualcuno di loro osava superare i limiti dei mondi e dei corpi: le aquile talvolta si tuffavano in mare, ma appena giunte in acqua rischiavano di affogare, così ritornavano in volo e restavano ad asciugare le loro piume sulle nuvole, piangendo; i delfini a volte balzavano così in alto che sembrava loro di poter raggiungere le nuvole, ma appena sfiorate, si ritrovavano a precipitare violentemente tra le onde del mare e rimanevano negli abissi a curare le loro ferite.
Si dovevano entrambi arrendere, perché cambiare il loro essere o superare i confini dei loro mondi non era la strada dell'Amore.
Questo fino a quando venne un giorno speciale, un giorno in cui un Aquila vide un Delfino balzare leggiadro a pelo d'acqua e il Delfino rimase incantato nel mirare l'Aquila volare nell'alto del cielo. Fu uno sguardo magnetico e fulmineo, senza proferire respiro né quesito nei loro cuori. Senza neppure rendersene conto, si sentirono molto vicini l'uno all'altro, uniti nel loro sentire, senza avvicinare i loro corpi.
Il Delfino riusciva a percepire la brezza del vento che spira al di sopra delle nuvole e l'Aquila riusciva a sentire la freschezza delle acque come se fosse tra le onde del mare. Ne furono rapiti, senza paura e senza muovere una cellula del loro corpo, si ritrovarono amanti e compagni nel mondo di mezzo, quel non luogo sopeso tra il cielo e il mare.
Quest'Amore venne vissuto con le anime che, libere e coraggiose, s'erano lasciate condurre ove la mente non osa.
Mancava qualcosa, però. Desideravano entrambe sfiorarsi nell'abbraccio che solo il corpo può dare.
Continuarono ad amarsi senza brama né premura, credendo entrambe che il loro Amore avrebbe mosso l'Universo.
La sincronia e la fiducia nell'Amore fu così perfetta che il cielo fu estasiato dal mare e il mare fu rapito dal cielo.
Aria e acqua si incontrarono per la prima volta, cancellando quel confine che separava i mondi.
Il Delfino si trovò a volare nel punto più alto del cielo e l'Aquila a nuotare nel più profondo degli abissi marini.
Fu così che il Delfino e l'Aquila riuscirono ad amarsi con anima e corpo nell'uno e nell'altro mondo, perché entrambi era mondi dello stesso Universo.

Non cambiare per Amore, lascia che l'Amore cambi il mondo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • ღ Soumaya Ch. ღ il 29/08/2012 10:58
    Buogiorno Angela, il tuo racconto e' bellissimo, l'ho messo sul mio blog in versione illustrata ho creato addirittura una cartolina che esprime in un certo modo la storia.
  • Giacomo Scimonelli il 06/11/2011 09:34
    bellissima... da leggere e rileggere
  • Inchiappa Vito I Song il 07/10/2011 10:43
    Meravigliosa! Solo l'Amore cambia tutto, saperlo vivere non è da tutti, purtroppo. Apprezzatissima, complimenti Angela.
  • angela testa il 14/09/2011 23:51
    Propri vero quando si ama niente ti fermaaaaaaaa... bellissimaaaaaaaaaaaaaaaaaaa...
  • ANGELA VERARD0 il 01/08/2011 17:46
    grazie Bruno
  • Bruno Briasco il 01/08/2011 17:43
    La frase conclusiva è il riepilogo del tuo bellissimo racconto. Ottima e ottima!
  • ANGELA VERARD0 il 31/07/2011 12:35
    Carla cara... grazie ci voglio credere
  • Anonimo il 30/07/2011 21:34
    lascia che l'amore cambi il mondo... l'amore può tutto... ed è stato premiato... non esiste confine per chi si ama meravigliosa fiaba... bellissima angela brava...
  • ANGELA VERARD0 il 29/07/2011 15:40
    ciao Salva grazie
  • Anonimo il 29/07/2011 15:36
    molto bello una storia che significa amore. ciao salva.
  • ANGELA VERARD0 il 29/07/2011 14:43
    grazie ragazzi... per i bambini ne ho scritte altre... consiglio la fiaba della pecorella e del pastore... che stravolge i canoni delle fiabe tradizionali... più amore e più libertà
  • claudio paolieri il 29/07/2011 14:33
    che bella, la leggerò a mia figlia
  • sara zucchetti il 29/07/2011 12:57
    Molto bella, le parole descrivono profondamente l'atmosfera e i personaggi due bellissimi animali uniscono due mondi questo fa pensare che l'amore è infinito. Mi piace molto la frase finale e la morale che si capisce con fantasia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0