PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La mia condizione di aspie

Dopo circa 2 anni di dubbi e attese, finalmente nell'autunno 2010 un team di esperti dello spettro autistico mi ha dato una diagnosi affermativa. Il test al quale mi hanno sottoposto ha confermato che i miei parametri sono compatibili con quelli di un individuo autistico ad alto funzionamento. Quest'ultimo è il termine tecnico col quale viene definita la "sindrome di Asperger". Non sono mai stato una persona ottimista e pertanto non mi sono mai aspettato cure miracolose una volta accertata la natura esatta della mia condizione e quindi anche del mio male di vivere. Il solo beneficio che ne ho tratto è stato quello di avere ora le idee più chiare e il sollievo di poter ormai cessare la ricerca affannosa di cause astruse dietro la mia depressione e le tare sociali che mi trascino dall'infanzia. Prima era più arduo accettare la possibilità che tutti i miei limiti socio-affettivi, uniti al crollo psicologico che ho vissuto negli ultimi anni, avessero una spiegazione meramente caratteriale. Quest'ultima era la spiegazione che fin da piccolo mi sentivo ripetere da familiari, parenti e conoscenti; non di rado accompagnata da prediche e rimproveri. Ero quasi arrivato ad accettarla finché, alla fine del 2007, è avvenuto un fatto spiacevole ma decisivo; la mia prima esperienza sentimentale. Per la prima volta ho tentato di aprire il mio cuore a una persona e, nel fallire, sono precipitato in una depressione che - ristagnando in profondità dentro di me - non mi ha più abbandonato fino ad oggi. Quella prima delusione, inizialmente, avevo cercato di considerarla come un doloroso ma necessario passo verso una nuova e più completa fase della mia vita. E invece, a distanza di qualche mese, è seguito un secondo fallimento ancor più vivido e lacerante del primo, grazie al quale la mia depressione ha toccato il suo apice più nero. Da tutto ciò ho imparato a non mettere mai più in ballo i miei sentimenti e ad affrontare con la maggiore freddezza possibile le mie frequenti infatuazioni. Di conseguenza ho sopportato con molto meno dolore la mia terza delusione e poi anche la quarta, la quinta, la sesta, la settima, l'ottava, la nona, la decima e l'undicesima. Tuttavia la depressione in sé, il senso di vuoto e il desiderio di morire non cessavano affatto. Continuavo a chiedermi perché, tranne me, tutti i miei coetanei - pur avendo sofferto - avevano comunque portano a compimento da anni quella fase della vita in cui i giovani hanno le loro prime esperienze amorose (sia fisiche che sentimentali). Spesso sentivo di dovermi rassegnare al fatto di essere un asociale che doveva pagare un giusto castigo. Tuttavia era inevitabile cercare delle vie d'uscita, anche solo per raggiungere uno stato di pace ed imparare ad abbracciare un destino da misantropo felice, o quasi. Finché un giorno non mi si è palesata una spiegazione clinica, che mi è parsa plausibile non appena ne ho esaminato i sintomi, caratteristici in gran parte anche della mia persona. La sindrome di Asperger era descritta come un disturbo pervasivo dello sviluppo con una serie di conseguenze negative nella vita socio-affettiva dell'individuo che ne è affetto. Trovavano finalmente una spiegazione univoca sia le mie sofferenze degli ultimi anni sia le rarissime amicizie che sono riuscito a stringere dall'infanzia ad oggi, ma anche la diversità dagli altri per la bizzarria e l'originalità dei miei interessi e la perenne inadeguatezza in qualunque contesto sociale (specie fra coetanei). E finalmente ho cominciato a capire le ragioni dei miei fallimenti sentimentali, dovuti al fatto di non comprendere istintivamente il linguaggio delle persone neurotipiche, e quindi di non saperlo riprodurre per ottenere l'empatia necessaria - che nel corteggiamento assume ancor più importanza. Fin da piccolo non capivo come mai le persone mi giudicassero tanto serio o inespressivo, o perché tanti atteggiamenti che gli altri assumevano io li trovassi del tutto insensati. Ho capito che le persone come me sono nate prive della capacità d'interpretare inconsciamente il linguaggio non verbale, che nella comunicazione è indispensabile quasi quanto quello logico/astratto. Ho capito perché le persone come me interpretano i rapporti umani in maniera rigidamente logica, senza sapersi mai affidare all'istinto. Ho capito perché le persone come me sono sempre così esageratamente sincere e coerenti in quello che pensano e dicono; mentre per i neurotipici è del tutto naturale celare una parte di sé e comunicare con gli altri in una maniera sempre un po' "recitata". Comincio a capire che dietro un'espressione del volto ci sono tante sfumature che io non riesco a cogliere e che, diversamente dagli altri, dovrei imparare a riconoscere come se fosse una materia di studio. Se una persona mi sorride non so ad esempio se è un sorriso amichevole, malizioso, derisorio o solamente emotivo. Ho capito che tutte le ragazze da me corteggiate si sono tenute a distanza poiché dubitavano della genuinità delle mie parole dinanzi alla mia apparente apatia esteriore. Molte persone le ho turbate per aver loro rivelato fatti molto personali, che non avrebbero mai avuto la spontaneità di ammettere a loro volta; al punto che la mia sincerità è stata spesso messa in dubbio, come se io fossi un mitomane intenzionato solo ad attirare l'attenzione.

12

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

19 commenti:

  • Anonimo il 03/09/2012 14:03
    Ti sto rileggendo e leggendo... Ciao. Vera
  • Luigi Lucantoni il 16/08/2011 00:49
    grazie ancora
  • Andrea (le tre Botti) il 15/08/2011 22:16
    fantastico!! Bhe... in bocca al Lupo!!
  • Luigi Lucantoni il 15/08/2011 21:54
    devo dire però che la mia maggiore aspirazione sarebbe di essere uno scrittore in piena regola, un'autore di letteratura horror
  • Luigi Lucantoni il 15/08/2011 21:52
    in effetti sto lavorando a un'autobiografia incentrata sul mio autismo, mi stanno seguendo gli psicologi e un altro autore aspie che lavora x case editrici di psicologia
  • Andrea (le tre Botti) il 15/08/2011 18:35
    Ovvero:Secondo te la tua condizione è un opportunità per te e/o per altri considerando la tua dote di scrittore(e direi anche la tua capacità di analisi!!)(finalmente, forse, mi sono espresso!!)
  • Andrea (le tre Botti) il 15/08/2011 18:27
    Ciao Lugi, era una domanda che mi è parsa palese dal tuo racconto e dall'aver letto che stai lavorando ad un'autobiografia.
    Cerco di spiegarmi meglio:credi che l'analisi che tu stai facendo e farai potrà essere importante per la tua realtà e per altri che magari la stanno vivendo e la vivranno?
    Mi è parso come se la rivelazione dell'"Aspio"potesse essere una grande opportunità per te.
    Magari potevo evitare di condividere questo pensiero ma il racconto mi ha coinvolto!
  • Luigi Lucantoni il 15/08/2011 18:13
    ti ringrazio Andrea però non ho afferrato bene il tuo suggerimento...
  • Andrea (le tre Botti) il 15/08/2011 16:39
    Da tempo non leggevo così volentieri un racconto.
    Da tempo non sentivo parlare di se con tale introspezione ed analisi. Ti è mai venuto in mente che con il dono che hai per scrivere e analizzare tu abbia la possibilità di fare qualcosa di grande per questa sofferta realtà?
    Voglio ringraziarti per una condivisione che ho immensamente ammirato.
    Seguirò ogni tuo scritto con molto piacere!
    Ciao!
  • Luigi Lucantoni il 03/08/2011 02:39
    ok visto che interessa anche te Giuseppe vedo se riesco a ritrovare qualcosa tra i miei file, vi ringrazio (anche tu Nicoletta)
  • Giuseppe De Paolis il 02/08/2011 23:30
    lucidamente sconvolgente come solo il reale sa essere... complimenti... mi farebbe molto piacere leggere altri tuoi racconti autobiografici... ciao, a presto
  • nicoletta spina il 02/08/2011 23:02
    Grazie per questo racconto, scritto molto bene, che mi ha aperto una strada per la conoscenza di una sofferenza, la tua. A volte anche nel tunnel del soffrire si apre uno spiraglio di luce e a quanto vedo dai commenti sottostanti lo scrivere penso ti possa molto aiutare... e tu sai scrivere bene. Ti auguro di andare sempre in meglio... di cuore.
  • Anonimo il 02/08/2011 16:13
    Non credo... tu provaci. Ciaociao
  • Luigi Lucantoni il 02/08/2011 15:41
    ok, ma tranne te pochissmi leggerebbero questo riassunto
  • Anonimo il 02/08/2011 15:31
    Luigi, non voglio insistere, perdonami. Però io nei tuoi panni qualche episodio autobiografico, al di là del lavoro completo che farai ad uso scientifico, lo scriverei. Per esempio parlavi di rapporti sentimentali finiti male... perchè non scriverne. Oppure delle amicizie finite o anche di quelle durature. Io in questi giorni sto scrivendo una serie di racconti ognuno dei quali è dedicato ad un compagno di giochi dell'infanzia.
    Comunque non voglio forzarti la mano... sappi solo che a qualcuno potrebbero interessare questi brevi flash... ciaociao, a presto.
  • Luigi Lucantoni il 02/08/2011 15:24
    non so, quando mi hanno dato la diagnosi mi hanno chiesto di scrivere un riassunto della mia vita x loro, potrei anche pubblicarlo qui ma lo leggerebbero in pochi, è troppo lungo
  • Anonimo il 02/08/2011 13:18
    Adesso è più chiaro... pubblicherai qualche stralcio su PR o no? Sarei interessato... ciaociao
  • Luigi Lucantoni il 02/08/2011 10:50
    lo sto già facendo, lo staff di psicologi di cui ho parlato mi hanno incoraggiato a scrivere un'autobiografia x qualcuna delle case editrici di psicologia che se ne occupano; ho appena cominciato. Nell'ultima frase volevo dire che l'autismo ad alto funzionamento è difficile da spiegare agli altri, considera che lo ignorano ancora molti psicologi e psichiatri, figuriamoci la gente comune! Io stesso ho faticato molto a farlo capire a parenti, conoscenti ed anche altri psicologi che mi seguivano prima erano molto scettici quando gliene facevo accenno. È una cosa davvero snervante
  • Anonimo il 02/08/2011 07:29
    Lucidissima analisi di una condizione esistenziale che mi ha ricordato le mie crisi giovanili
    ed il mio interesse per i grandi suicidi della storia.
    Molto ben scritto... l'unica frase che non ho compreso in pieno è proprio l'ultima. Magari, se ti vien voglia di chiarirla, ne sarei soddisfatto.
    P. S. molto bella a mio avviso questa scoperta fatta in età matura perchè ti permette di rimodulare la traccia del tuo vissuto e di impostare in maniera più coerente il tuo rapporto con gli altri. O no?
    Altra cosa: mi piace come scrivi. Fossi in te lascerei un pochino da parte gli aforismi e mi dedicherei ai racconti autobiografici. A me per esempio interesserebbero molto. Ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0