accedi   |   crea nuovo account

Il ragazzo dello specchio

La notte era infine trascorsa e l'aurora aveva iniziato il suo metodico lavoro di resa dei colori alle cose del mondo.

Giovanni aveva paura della notte, del sonno, dei sogni. Di quel sogno che lo tormentava da giorni.
Entrava nella sua camera, e vedeva di spalle un ragazzo seduto davanti allo specchio. Indossava i suoi stessi vestiti, aveva i capelli del suo colore e tagliati in egual modo. Lentamente cominciava a girarsi, e quando finiva quel movimento di rotazione, poteva finalmente vederne la faccia.
Era uguale a lui.
Forse era lui.
Con l'unica differenza che lui era mancino, mentre il ragazzo dello specchio era manodestro.
Il sogno finiva lasciandogli addosso una leggera inquietudine, nulla di più.
Una notte di pochi giorni prima, però, il ragazzo, l'altro sé stesso, aveva pronunciato delle parole.
" Sono stanco di guardarmi allo specchio. Vieni..."
Aveva sedici anni, Giovanni, ed era la prima volta che avvertiva quel particolare tipo di paura, quella che ti lascia la bocca secca facendoti ascoltare i battiti del tuo cuore come se venissero da fuori.
Entrò in cucina portandosi dietro la sua pena. Sua madre stava preparando la colazione e lo salutò senza guardarlo in faccia.
Si sedette a tavola in silenzio.
Solo dopo un po' di tempo, trascorso a guardare il suo piatto come se non riuscisse a capirne la funzione, notando gli sguardi sempre più preoccupati della madre, la tranquillizzò dicendole che aveva solo mal di pancia e per questo non mangiava.
Uscendo di casa avvertì il contatto con l'aria tiepida di quel mattino d'estate.
Decise che quel giorno non sarebbe andato a scuola.
Aspettò nascosto tra gli alberi del vicino parco che la madre uscisse per andare al lavoro e rientrò nell'abitazione. Raggiunse la sua camera e si mise a sedere davanti allo specchio, guardandosi il viso.
Se la sua teoria era valida, l'altro sarebbe comparso alle sue spalle.
Aveva voluto invertire i ruoli.
Si girò verso la porta, ma non c'era nessuno. Aspettò qualche minuto, poi tornò a specchiarsi.
L'altro era là, dentro lo specchio, che lo guardava. Era vestito come lui, aveva il suo stesso taglio e colore di capelli. Aveva la sua stessa faccia.
Era uguale a lui.
Forse era lui.
Giovanni allungò la sua mano sinistra raggiungendo la superficie di vetro, fino a toccare la mano destra del ragazzo dello specchio.

Quando la mamma di Giovanni rientrò a casa, lo trovò seduto davanti alla TV.
"Come stai?"

12

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • alba radiosa il 03/08/2011 15:25
    Grazie Giacomo, grazie Elisa, anche per il consiglio!
  • ELISA DURANTE il 03/08/2011 11:16
    Ben strutturato in poche righe il tema del "doppio" allo specchio. Se ti capita, ti consiglio di leggere il romanzo d'esordio di quella che è stata definita l'anti-Melissa P. : Marta Dionisio, Lo specchio di Beatrice, Fazi ed.
  • Anonimo il 03/08/2011 07:33
    Bello, ben scritto, originale. Mi è piaciuta molto la versione dell'aurora e del crepuscolo... brava alba radiosa. ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0