accedi   |   crea nuovo account

La pioggia

Una tempesta, sembrava davvero una tempesta, l'acqua scrosciava fitta e fastidiosa e a contatto con il terreno si polverizzava, sollevando nuvole di minutissime particelle che sfrangiavano le luci di quella sera invernale.
Io ero al riparo sotto la pensilina degli autobus, insieme ad altri, che odoravano di pioggia mescolata al calore del corpo che evaporava dai loro abiti.
Una scena irreale, un suono acuto e lacerante, sempre più intenso, poi una luce arancione che danzava fra la pioggia, sempre più vicina, incombente. Si fermò proprio davanti ai miei occhi, per quel poco che si poteva vedere, le raffiche di vento a tratti aprivano un sipario da dove si scorgeva un'ambulanza, ferma con i portelloni aperti e delle sagome bianche intente attorno ad un uomo vestito di stracci. Lo caricarono sulla lettiga, mi parve che avesse il volto coperto da un lenzuolo, buttarono a bordo anche due grossi sacchi, la "sua casa il suo guardaroba" e poi partirono a sirene spiegate... inutilmente.
Il cielo aveva smesso di piangere lasciando le strade lucide di lacrime, un altro urlo nella notte che non ascolterà nessuno.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Marco Uberti il 05/12/2011 09:39
    Grazie Giacomo per le belle parole, le cose migliori della vita davvero non si possono comprare, regalare un'emozione... non ha prezzo.
  • Anonimo il 05/12/2011 09:30
    Bel racconto... mi era sfuggito. Triste e dolce nello stesso tempo, forte e delicato, questo brano. Anche ben scritto... e con una sintesi notevole, dote che io non ho.
  • Bruno Briasco il 23/08/2011 18:10
    Una pagina amara della vita raccontata finemente e con dolcezza. Ottima. Un caro abbraccio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0