accedi   |   crea nuovo account

uno sguardo

Quando, affacciandosi, Sara si accorse di quel giovane sconosciuto, assorto nella lettura di un piccolo volume dalla copertina blu, richiuse subito i vetri. Detestava da sempre i vicini spioni, ed evitava accuratamente qualsiasi atto che potesse anche solo sembrare invasivo. Stava per tirare anche le tendine, ma, in quell’istante, il libro cadde sul petto scoperto del suo lettore, aprendosi mollemente. Con la medesima lentezza un braccio dell’uomo ricadde di fianco, il capo si reclinò sullo schienale della sedia a sdraio, le labbra disegnarono un sorriso di puro e rilassato benessere. La mano di lui sfiorò i fili d’erba del minuscolo quadrato di verde, che la sedia a sdraio ricopriva quasi completamente. Un colpo di vento, delicato come una cauta carezza di madre, gli scompigliò i capelli, e Sara, staccando una ad una le dita della mano destra dalla cordicella, le spostò sul vetro, descrivendo piccoli cerchi, mentre l’altra mano artigliava un lembo sudaticcio della maglietta, richiudendo nel pugno un grumo di stoffa.

Erano passati minuti? Forse. Erano passate ore? Forse. Nel frattempo il libro, ad ogni respiro, era scivolato un poco di lato, ed un altro poco, ed un poco ancora. Un ultimo alzarsi ed abbassarsi del petto, ed il volume cadde, colpendo il braccio del giovane dormiente. Lui si alzò in piedi con un unico moto scattante e, prima che Sara riuscisse a farsi indietro, puntò verso di lei uno sguardo acuto, per nulla annebbiato dal sonno. La donna diede uno strattone al cordino, ma le tende non si chiusero abbastanza in fretta da proteggerla dall’impatto, quasi fisico, dell’accusa che lei lesse nel cipiglio di lui. Un’accusa di vicinato pettegolo ed impiccione, perché mai più, pensò, mai più lui avrebbe potuto anche solamente supporre che una donna della sua età, una donna col suo aspetto, si fosse unicamente presa il piacere di rubare, con qualche sguardo, la bellezza di quel corpo esposto al sole di quest’estate precoce.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • *Sunflower* il 29/04/2011 18:23
    brava, rendi bene l'atmosfera ciao ciao
  • Maria Lupo il 17/09/2007 00:50
    Veramente brava.
  • Ivan Benassi il 14/08/2007 23:28
    Un'occhiata.. niente male.
  • Jean-Paul AMENTA il 16/06/2007 11:13
    Belle immagini. Ciao. JP
  • antonio sammaritano il 04/12/2006 15:23
    sintetico, senza sbavature, descrivi abilmente le emozioni e ciò che vuoi comunicare.
  • Ivan Iurato il 02/12/2006 13:22
    Affascinante e delizioso questo scritto. Brava Laura.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0