accedi   |   crea nuovo account

Sragionatamente

Stamani sono uscito dai gangheri e montando su un cavallo matto son partito a tutta birra per andare in bestia, ma vedevo tutto rosso e così ho perso le staffe, e poi la tramontana e finanche la bussola, e in ultimo smarrii il lume degli occhi, così che inciampai nella pietra dello scandalo e mi ritrovai in un mondo in bianco e nero, ma dove il bianco era nero e il nero era bianco, dove le auto strombazzavano sottovoce, la pioggia cadeva così dolce che ne bevvi subito un sorso, gli sciocchi parlavano gratis, e le onde del mare erano così alte come non s'erano mai viste, la televisione annunciava ai quattro venti di essere stata truffata, ma quelli continuavano a soffiare forte da squassarle il tubo catodico, un passante sfilacciato mi chiedeva perchè aveva perso l'autobus, e m'appellò beato perchè non capivo niente.
Io, che non amo far le cose di nascosto, sentii l'ansia che cresceva a casaccio, e cercai di svignarmela procedendo tastoni, quando un pacco mi fu recapitato, e io che avevo le labbra ormai arrostite dal freddo, nonostante avessi studiato una bella poesia sottovoce, per non disturbare i rimproveri della mamma che rimbombavano da un capo all'altro del mondo, cercai ancora di svignarmela tastoni, così a tastoni che mi ritrovai in un teatro così pieno che fu impossibile uscirne se non dopo il roboante applauso finale al cantante, che cantò così male che gli si squarciò il petto.
Mi rammentai del compito! Ma lo trovai difficile, così difficile che mi venne il mal di mare: tuttavia ritornai sui miei passi camminando a ritroso, così inciampai col tallone nella pietra dello scandalo, ritrovai il lume degli occhi e più in là la bussola, riacciuffai la tramontana, recuperai le staffe, rividi ogni colore, montai su di un cavallo alato e rientrai nei gangheri.

 

3
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Moment il 12/01/2014 13:01
    Ti piace giocare con le parole e le composizioni e ovviamente ti piace anche l'ironia, ma questo l'avevo capito già dagli altri scritti. Comunque questo pezzo mi ha ricordato un po' alcuni dei miei "esperimenti", forse non è elegante farsi pubblicità, ma magari apprezzerai: cerca "il calcio sui maccheroni" o "preferisco le fionde" tra i miei racconti

7 commenti:

  • Fernando Piazza il 16/10/2011 22:46
    Forte Rosaria, alla fine il tipo è riuscito a ritornare sui suoi passi e a riavvolgere una giornata che era partita male e rischiava di finire anche peggio... Sei unica nei testi "deliranti", proprio come piacciono a me (e di cui io non sono capace), ma per questo basti tu
  • Anonimo il 13/09/2011 15:20
    scritto benissimo... di un'ironia rara! Davvero brava!
  • ELISA DURANTE il 29/08/2011 18:08
    Ottimo esempio di sintomatologia da colpo di calore! Fortissimo!!!
  • rosaria esposito il 26/08/2011 17:51
    uè.. guagliò... ma tu mi sembri delle mie parti... e che bella sferzata che mi dai... grazie, Andrè...
  • Andrea (le tre Botti) il 25/08/2011 22:24
    Sì forte Rò sì proprio forte!!!
  • rosaria esposito il 25/08/2011 21:07
    grazie, Bru...
  • Bruno Briasco il 25/08/2011 19:41
    Te la canti e te la suoni? Ottima fantasia e bella l'esposizione. Audace!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0