accedi   |   crea nuovo account

Piccolo grande uomo

Ti ho conosciuto in un reparto d'ospedale. Quando mi raccontavi della tua malattia eri incredulo: "io non ho mai avuto a che fare con l'amianto" eppure quella polvere è nei miei polmoni. E tu hai paura non della morte, ma di come morirai soffocato. Ti stringo la mano a volte non servono le parole. Non ti ho mai visto versare una lacrima hai una dignità al tuo dolore che sostieni chi ti sta accanto, quando tu avresti bisogno. La tua sentenza non ha ricorso, e posso sperare solo tu non soffra. Grazie mi hai insegnato che la vita va vissuta giorno per giorno come se fosse l'ultimo. Il tuo è arrivato e te ne sei andato in punta di piedi in un giorno d'inverno ma fino all'ultimo hai cercato di vivere

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0