accedi   |   crea nuovo account

Avvicinarsi, ma come?

Come avvicinarsi?
La notte porta troppi pensieri malinconici, pensieri che il giorno offusca con la sua raggiante bellezza.
Penso penso penso.
Forse dovrei smetterla di pensare.
Agire. Ma come? Da dove parto, dove comincio?
Un timido ciao contro un muro di pietre rosse, troppo debole per poter aprire una breccia.
E resto li come un cretino, a guardare i suoi capelli che fluttuano leggeri nell'aria quasi ipnotizzato da quel movimento sinuoso.
Gli sguardi si incrociano, un sorriso, un ciao. In quel momento mi sento l'uomo più felice della terra, avrei potuto fare di tutto per lei in quel momento ma...
L'interesse apparente nei tuoi confronti piano piano svanisce. E torni ad essere solo.
Solo con i tuoi pensieri.

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • stella luce il 03/09/2011 18:54
    penso penso penso... spesso è meglio smettere di pensare e agire agire agire... breve ma ricco di significato

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0