username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La mia amata Umbria

Le rondini, con il freddo e il gelo che c'era in quel momento ci lasciavano.
Le rondini, con il sole e il profumo di miele e fiori appena sbocciati, tornavano.
Il grigio della loro partenza e del nostro opaco inverno, sparivano.
La luce luminosa del loro ritorno, del volteggiare maestoso delle loro ali ci donavano un sorriso sulle labbra.
La voglia di guardare il cielo, tornava.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 06/03/2012 00:36
    anche a me l'immagine delle rondini mi porta in un mondo ormai lontanissimo da quello di adesso. Sei stata davvero brava se sei riuscita a far provare qualcosa a noi lettori.
  • Anonimo il 08/09/2011 17:22
    Un'opera che mi riporta all'infanzia, quando il cielo era un volteggiare di rondini in volo e il loro garrire mi riempiva di gioia!
  • Giulia Fratocchi il 08/09/2011 07:22
    Grazie grazie grazie... sei la mia preferita! sei speciale e di una sensibilità estrema... Anche io amo Cascia. TTi abbraccio forte!
  • Anonimo il 08/09/2011 07:10
    meravigliosa regione è una delle mie preferite se posso vado a Cascia anche quest'anno ci sono andata... piena di santità e di natura rigogliosa e bella un bacio e brava giulia
  • Giulia Fratocchi il 08/09/2011 05:44
    si si, arrivano in primavera e fanno le loro casine proprio nel tetto di mia nonna, sono stupende
  • Anonimo il 07/09/2011 23:04
    Ma ci sono ancora le rondini?