accedi   |   crea nuovo account

E poi ci sei tu

E poi ci sei tu.

Al rientro. Dai miei eccessi.
Mi piace la sregolatezza. Forse perchè si perde la cognizione del tempo. O forse solo perchè la quotidianità mi spaventa. Non che non la viva. Ma mai fino in fondo. All'improvviso fuggo.

Di notte.

Facce. Sorridenti. Vestiti impeccabili. Eppure c'è così tanta polvere. Bianca.
Occhi. Che scrutano tutto senza vedere niente. Mani.
Profumo. Di buono.
È facile sentirsi una regina quando la musica è così assordante che nessuno la può sentire l'isteria delle tue risate.
Pareti lucide. Eleganti. Freddissime. Perdo il senso dello spazio. Mi lascio portare. Non conta dove.
Sto bene con te. Forse perchè siamo uguali. O forse solo perchè anche tu fai parte del gioco.

Il delirio. Della follia.

Un'altra me. O forse io. Semplicemente.
Mi lascio cadere. In un labirinto di voci e colori. Nella mia testa un vortice vertiginoso scandisce le ore, i minuti e i secondi che mi separano dalla realtà.
Mi muovo sicura, in questo quadro da cui non vorrei uscire.
C'è tempo per dormire. Con la mente in pace, senza sogni.
C'è tempo per piangere. Con discrezione.
Non ora. No, ora no.

Sfiniti.
Esausti.
Un volteggiare di maschere. Dai Sorrisi vuoti.
Ho soltanto voglia di ballare.

Tintinnio di braccialetti luccicanti.

Chissà cosa pensi.
Mentre mi guardi.

Tacchi alti. Sul marmo gelido. Bianchissimo.

Cosa ti starai domandando.
Cosa succederà dopo, forse.

Mascara. Nero. Mascara sbavato.
Non la smetto di ridere.

Ticchettio di lancette di un tempo fuori dal tempo.

Mi prendi per mano.
Tu.
Ora non ho voglia di capire cosa stai pensando.
No, ora no. Ora portami via.
Rivoglio la mia faccia pulita.
Voglio stare in silenzio. Composta.

Chiudo gli occhi. Lentamente.
È quasi giorno.
Non andare via. Non ancora.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 05/01/2012 10:43
    Uno splendido racconto autobiografico, che sconfina nella poesia, e che parla un po' di tutti noi!

10 commenti:

  • Anonimo il 11/05/2012 20:11
    racconto-poesia. frammenti di vita sregolata fotografati sulla carta

    seriamente bello, brava!
  • spaziosenzalimite. il 09/01/2012 09:39
    grazie mara!
    felice che ti sia piaciuto
  • Anonimo il 08/01/2012 21:34
    Dallo stile, mi ricordi molto Isabella Santacroce... Il che mi piace assai!
    Sì, direi una bella 'confessione' e come ha scritto appunto Sonia Bionda: un bel connubbio tra poesia e prosa narrativa, sopratutto per l'uso delle pause, come e fossero i tuoi stessi pensieri a parlare, confusi, "sballati" e sinceri.
  • spaziosenzalimite. il 05/01/2012 14:38
    grazie a tutti per i complimenti
    .. sì francy è una spia..
  • gina il 04/01/2012 19:32
    Chiudere l'anima urlante in un turbinio di danze folli...
  • Fernando Piazza il 25/10/2011 15:04
    E brava la birba. Zitta zitta rieccola tra noi! Francesco ha fatto il delatore spifferando del tuo rientro! Complimenti a lui per aver capito la tua identità: davvero un acuto e fine conoscitore del tuo modo di scrivere!
    Comunque un gradito ritorno, mancava la tua bella penna... bentornata!
  • Anonimo il 23/10/2011 17:09
    Cavoli... mi era sfuggito... grande rientro... ne sono felicissimo. Bellissimo questo brano... mi ricorda (S)ballo, ma ancora più bello proprio per quei versi finali che creano un connubio tra prosa e poesia. brava brava... continua
  • Angel Bruna il 24/09/2011 14:50
    brava, molto bel scritto. una immersion nella vita notturna. complimenti!
  • Anonimo il 19/09/2011 15:51
    una commistione di prosa e poesia bene amalgamata... una visione quasi onirica delle notti "sregolate"... molto apprezzato questo tuo primo racconto
  • Anonimo il 09/09/2011 15:54
    ti dirò! Da brava svamp ci ho messo un po' a capire che dietro questo simpatico e brillante pseudonimo ci sei tu, ma alla fine!... te amorooooooooo... e devo dire che sono fiero di aver avuto l'anteprima di questo meraviglioso racconto!!!!!... che ora andrò a rileggermi!... a rileggerci svamp!