accedi   |   crea nuovo account

I colori dell'animo parte I

Era una delle solite giornate della bella stagione. Una di quelle giornate così calde e afose che non potevo fare altro che starmene stesa in panciolle a fissare la ventola da soffitto che scandiva il tempo con il suo ronzio monotono. Avevo sete, ma alzarmi dalla mia posizione sembrava una fatica di ercole.
Ero prigioniera della nonna quell'estate. I miei avevano avuto la bella pensata di ristrutturare casa e, mentre loro si sarebbero arrangiati a dormire tra vernice fresca e scatoloni per qualche mese, io dovevo restare qui in modo da "non essere d'intralcio" e "socializzare con la nonna che non vedevo mai". Quella sarebbe stata un'estate che non avrei dimenticato per il resto della vita, ma allora ancora non lo sapevo.
Ero senza internet, avevo letto tutti i libri che mi ero portata, sentito l'ipod fino alla nausea e ora non sapevo proprio che fare. La nonna era di sotto, sonnecchiava davanti all'unico televisore che possedeva e con cui avevo cercato di distrarmi, ma con poco successo.
Avevo sostenuto gli esami di maturità da poco, ero libera dalla scuola e dai compiti delle vacanze e mi iniziavo proprio ad annoiare. Le settimane precedenti avevo esplorato tutto il quartiere, conoscevo a memoria ogni palmo di terra - secca per via della siccità- dei miei vicini. Era un quartiere abitato per lo più da anziani, non c'era traccia di ragazzi tranne la domenica quando qualche famiglia si degnava di far visita ai nonni.
Il mio cellulare era muto da mesi, escludendo i messaggi promozionali che il gestore telefonico mi mandava. Ma a me non servivano messaggi gratis, internet, chiamate... tanto non avevo nessuno con cui comunicare. I miei chiamavano regolarmente dalla nonna e loro erano gli unici ad interessarsi a me. Non ero un tipo solitario, avevo avuto amici, ma con la maggior parte ci avevo litigato perché ero stanca di dare tutto e non ricevere niente. E speravo nella svolta post liceo, in una nuova vita e bla bla bla.
Mi dovevo alzare, la mia pelle a contatto con quella sintetica del divano non faceva altro che farmi sudare di più. In uno slancio mi alzai e mi avviai giù per le scale, la nonna attaccava non so quale bottone seduta su una sedia, con in sottofondo una televendita di un attrezzo contorto che prometteva addominali da urlo usato solo per dieci minuti al giorno.
Aprii svogliatamente il frigo, sperando di trovarci qualcosa che un'ora prima non c'era messa da chissà chi. Bevvi a piccoli sorsi da una bottiglia ghiacciata. La nonna mi consigliò di prendermi un ghiacciolo per rinfrescarmi un po' e attaccò a lamentarsi del suo mal di schiena e a blaterare del tempo che non aiutava per niente le sue condizioni fisiche.
La ascoltavo a malapena intenta a scartare il ghiacciolo, i suoni che uscivano dalla bocca mi arrivavano come se si trovasse sotto una campana di vetro. Ero intenta a guardare una mosca che gironzolava stonata e volevo scoprire se avrebbe avuto il coraggio di posarsi sul mio gelato. "Marta, ma mi ascolti?" La donna richiamò a sé l'attenzione. Come dicevo oggi è la giornata dell'antiquariato e devi portare quei due scatoloni da Regina così mi disfo di un po' di roba vecchia e vediamo se ne ricavo qualcosa. Vai appena puoi, molte bancarelle dovrebbero essere già allestite, magari trovi qualcosa che ti può interessare. Stai sempre a casa, io alla tua età ero sposata.." Portai gli occhi al cielo l'ultima cosa che volevo era risentire la storia della vita della nonna per la centesima volta. "Certo nonna" la interruppi "Ci sto andando!".

123

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • antonio chisari il 15/09/2011 15:45
    p. s: anch'io ho scritto un racconto a puntate, diciamo così! dagli un'occhiata se vuoi, s'intitola "la scelta del sud". ciao ciao
  • antonio chisari il 15/09/2011 14:58
    bel racconto, anche se immagino che sia soltanto l'inizio di qualcosa di più corposo. quindi adesso attendo di leggere il seguito! comunque ottimo stile, essenziale e chiaro. very good
  • Rossella Panna il 14/09/2011 21:46
    Originale e ben scritto.. il personaggio è complesso, e questo m'incuriosisce, soprattutto per il suo sarcasmo.. aspetto il secondo capitolo delle avventure di Marta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0