PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Francesca

FRANCESCA





La sua voce usciva in un sospiro d’autunno, come se si disperdesse nel tragitto del suo, lungo ponte proteso tra il viso in primo piano e un corpo volutamente arretrato e protetto.

Parlava guardando uno spazio che non c’era, popolato da cultura che le apparteneva come l’amico immaginario che l’accompagnava nei silenzi avvolgenti delle folle.



Esile, elegante, fragile, forte, costante, come una goccia che cadeva incessante nel buio delle mie conoscenze. La sua umiltà e la sua presenza riempivano la stanza con il fragore di una foglia caduta nello scalpiccio delle passeggiate serali, con tutta la sua poesia, con tutta la sua dolcezza.



Si sfiorava i capelli, Francesca, castigandoli dietro le orecchie e portava la mano al viso mentre ascoltava nascondendo la sua bocca, quasi a trattenere le parole che volevano sfociare in quel fiume di spiegazioni che le illuminavano gli occhi. Strideva forte la corda delle sue censure con la voglia di far suonare la sua opinione.



Si aprì in un sorriso fugace e due piccole rughe disegnarono i confini di quell’emozione, poi tornò ad ascoltare, senza ferire, chiusa nel guscio del suo abbraccio.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Fabrizio Carollo il 25/10/2008 16:12
    un racconto estremamente delicato e poetico. La descrizione di qualcuno che è difficile incontrare al gorno d'oggi. davvero brava.
  • Laura Defendi il 27/08/2007 16:49
    veramente parlando di vezzi da scrittore potrei mettere agli atti lo scritto cartaceo. Dalla grafia sarà facile intuire che è stato scritto di getto
  • Laura Defendi il 27/08/2007 14:00
    haha ok ok ti do del tu. Ho usato il "lei" per non rendermi simpatica agli occhi del più cattivo censore del west
    .. hai ragione è una bozza, scritta in pochi istanti mentre seguivo un corso... vedrò di lavorarci su ps. dai fai davvero il cattivo puoi fare di meglio
  • Laura Defendi il 16/04/2007 15:43
    Grazie Carmelo del consiglio... cercherò il libro
  • Luca Calabrese il 12/01/2007 16:42
    Si capisce che il pensiero d'amore nel decrivere anche i particolari "le rughe" è sincero dei confronti di Francesca... Brava...
  • Maurizio Triolo il 23/12/2006 20:34
    Brava, anche se non sono un giudice qualificato... buoen feste.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0