PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La pioggia

D'improvviso arriva la pioggia. Sottile, lenta, copiosa, scende dai cieli lontani a purificare i muri e le strade e a dissetare la terra arsa dalla calura estiva. E prima di cadere profuma l'aria. Una musica pigra si sveglia indolente e fa vibrare il paesaggio sonnacchioso: inizia la danza. Miliardi di gocce scendono precise dal cielo e baciano la terra e tante altre compagne le rincorrono veloci, seguendo lo stesso identico ritmo.
Appoggio il viso al vetro della finestra solcato da innumerevoli rigagnoli, che zigzagando ininterrottamente si dirigono verso mete invisibili e sconosciute. Il contatto freddo per un attimo fa scivolare i pensieri: la pioggia diventa sempre più fitta. Ascolto lo scorrere intenso e irrefrenabile di quei fili d'acqua perpendicolari alla terra che, cadendo, si infiltrano in ogni dove. La pioggia scorre nelle grondaie, disegna cerchi nelle pozzanghere, picchietta e rimbalza al suolo, disseta le piante e i fiori sui balconi, bagna il mondo. Odore di antico e di umido attraversa l'anima, un odore che solo la pioggia porta con sé, perché essa conosce il rito eterno e mai immutato. Un rito primordiale che si ripete in ogni goccia e racconta il suo segreto agli alberi che sibilano e rivelano segreti mai svelati. La pioggia scende a ridare vita. E cadendo tamburella sulle mani, inzuppa i capelli, lucida il viso ma poi per farsi perdonare lascia sulle labbra un bacio lieve e fresco.
La pioggia piange lacrime di diamanti che guardano l'infinito lontano. A volte è una tristezza di sogni perduti e infonde la sottile inquietudine di non essere più in tempo. La pioggia è una malinconia novembrina che avvolge e si intessa nel cuore.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Angel Bruna il 24/09/2011 17:10
    grazie dilaila, sono davvero molto contenta che ti sia piaciuto! ciao:
  • Dilaila Bella il 24/09/2011 15:11
    ...è talmente bello questo tuo racconto che viene voglia di alzare il viso e assaporare le gocce di pioggia quando cadono copiose... sempre più brava
  • Angel Bruna il 21/09/2011 17:35
    hai colto pienamente il mio modo di scrivere, grazie!
  • Anonimo il 21/09/2011 14:52
    ma a me piace davvero la scrittura semplice quasi infantile... a volte sono le cose più semplice ad essere le più innovative!
  • Angel Bruna il 21/09/2011 12:09
    grazie francesco, mi piace il tuo commento!
  • Anonimo il 20/09/2011 15:28
    devo dire che mi piace il tuo modo di scrivere... fanciullesco, delicato, lirico... qualcuno oserebbe dire ingenuo... ma è questo il suo bello!!!!
  • Angel Bruna il 20/09/2011 14:38
    grazie Giacomo, il tuo commento è sottile e raffinato! grazie anche a te Sonia!
  • Anonimo il 20/09/2011 10:35
    anche la pioggia ha un suo carattere specifico ben descritto
  • Anonimo il 20/09/2011 07:04
    Amo la pioggia e tu ne hai fatto una bellissima descrizione... molto piaciuta la frase: "A volte è una tristezza di sogni perduti e infonde la sottile inquietudine di non essere più in tempo. " Brava. ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0